venerdì , 17 agosto 2018

Home » Valpolicella » Cronaca » Bussolengo, Bassi al direttore dell’Ulss: «Basta prese in giro sul futuro dell’ospedale»

Bussolengo, Bassi al direttore dell’Ulss: «Basta prese in giro sul futuro dell’ospedale»

luglio 14, 2018 2:58 pm Category: Cronaca, Cronaca, In evidenza, ultimaora, Valpolicella Scrivi un commento A+ / A-

«L’ennesimo proclama, l’ennesima lista di buone intenzioni e l’ennesimo articolo di giornale da mettere in archivio per confrontarlo poi con i fatti che seguiranno». Non si fida il consigliere regionale bussolenghese, Andrea Bassi, dopo i roboanti annunci sbandierati dal direttore generale dell’Ulss 9, Pietro Girardi, sul futuro del presidio sanitario di Bussolengo.

«I miei concittadini – osserva Bassi – sono infuriati, avviliti e nel contempo sfiduciati per aver visto il proprio ospedale svuotato di quasi tutti i reparti, in men che non si dica. Tutti i giorni notano i parcheggi desolatamente vuoti e chi è entrato nell’ormai ex ospedale ne è uscito con il nodo in gola per la sensazione di vuoto e di abbandono che già si comincia a respirare».

«La si finisca quindi – attacca il consigliere regionale – di fare annunci su quel che sarà: si facciano i fatti e basta. Anche perché, per quanti servizi riabilitativi o di day hospital possano essere attivati all’Orlandi nei prossimi mesi, non basteranno a colmare il vuoto del vero e proprio furto subito dalla comunità di Bussolengo e del Baldo-Garda, la cui sanità oggi non è più il fiore all’occhiello di un tempo. E mi auguro che la nuova organizzazione non cagioni danni ai cittadini, altrimenti chi l’ha voluta dovrà prendersene tutta la responsabilità. Bene ha fatto, in ogni caso, il neo-sindaco Brizzi ad impugnare legalmente il tutto: speriamo che il Presidente Mattarella, che ha trovato il tempo di fare alcune telefonate particolarmente pesanti nell’ultimo periodo, possa esaminare adeguatamente l’istanza della nuova amministrazione comunale ed intervenire sullo scempio compiuto».

«La cosa però che più mi da fastidio – rincara Bassi – è che il direttore dell’Ulss 9 Girardi continui a dire che il Pronto Soccorso è pienamente operante e faccia intendere che nulla sia cambiato, quando sa benissimo che non è così. Come ha d’altronde dichiarato a verbale il direttore generale della sanità veneta, Dott. Domenico Mantoan, nella Quinta Commissione del 1/2/2018, quando ha testualmente dichiarato che i servizi resi dal Pronto Soccorso di Bussolengo prima e dopo la modifica della scheda non saranno evidentemente gli stessi e che lo stesso diverrà più o meno un Punto di Primo Intervento di tipo A. L’evidenza poi di questa mutazione è chiaramente testimoniata da un documento, prodotto dell’Ulss 9 stessa, che elenca le patologie che i mezzi di soccorso del 118 possono inviare direttamente al Pronto Soccorso di Bussolengo. In tale prontuario si dice innanzitutto che non potranno essere inviati pazienti con patologie pediatriche, ostetrico/ginecologiche e neurologiche, mentre gli unici invii concessi sono per: patologie psichiatriche in codice verde; affezioni non complicate delle alte vie respiratorie; contusioni e distorsioni di lieve entità; entercolite ed episodi diarroici; esotossicosi alcoliche in pazienti coscienti; gastroenterite; ferite non coinvolgenti strutture profonde; con complicate; patologie minori a carico di occhio ed orecchio; ritenzioni acute di urina; reazioni allergiche senza compromissione respiratoria e circolatoria; stati d’ansia; stati febbrili sotto i 38 gradi, non complicati da alterazioni dello stato di coscienza e con parametri stabili; ustioni di I e II grado di limitata estensione. Tutte le patologie diverse da quelle elencate non vengono più inviate al Pronto Soccorso di Bussolengo; per coloro che, invece, non accedono con le ambulanze ma con mezzi propri, appena viene riscontrata una patologia non identificabile nell’elenco precedente, si procede alla stabilizzazione e all’immediato trasferimento con un’ambulanza-navetta all’ospedale di Villafranca per il consulto e l’eventuale ricovero. Alla faccia del ‘“resterà tutto come prima” che Girardi e compagnia dicevano ed incredibilmente continuano a dire».

Bussolengo, Bassi al direttore dell’Ulss: «Basta prese in giro sul futuro dell’ospedale» Reviewed by on . «L'ennesimo proclama, l'ennesima lista di buone intenzioni e l'ennesimo articolo di giornale da mettere in archivio per confrontarlo poi con i fatti che seguira «L'ennesimo proclama, l'ennesima lista di buone intenzioni e l'ennesimo articolo di giornale da mettere in archivio per confrontarlo poi con i fatti che seguira Rating: 0

Scrivi un commento

Devi essere logged in per scrivere un commento.

scroll to top
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com