mercoledì , 20 giugno 2018

Home » Economia » Il fallimento della Melegatti diventa un caso. Valdegamberi: «Hanno detto no al fondo Usa per paura della Ferrero»

Il fallimento della Melegatti diventa un caso. Valdegamberi: «Hanno detto no al fondo Usa per paura della Ferrero»

maggio 30, 2018 1:59 pm Category: Economia, In evidenza, ultimaora Scrivi un commento A+ / A-

La Melegatti è fallita e ora diventa un caso, anche politico. La storica azienda di Verona, dove è nata nel 1894 la ricetta del pandoro a base di lievito madre, ideata da Domenico Melegatti, è stata dichiarata fallita ieri dal Tribunale di Verona. Una doccia fredda per i 350 dipendenti dello stabilimento di San Martino Buon Albergo, che proprio ieri avevano lanciato un appello al giudice affinché accogliesse quello che hanno defìnito «l’unica, credibile, seria e determinata proposta» arrivata dal fondo d’investimento americano “D.E. Shaw & Co”. Ora, con l’azienda chiusa da gennaio si attendono mesi di stop per l’arrivo del commissario che dovrà decidere sulle spoglie della Melegatti per cercare di pagare i creditori.

Ma non solo, la vicenda si è già trasformata anche in una polemica politico-economica. Un vero caso Melegatti, durato sette mesi, tra speranze, come l’arrivo a dicembre del giovane imprenditore Fabrizio Zanetti, patron del Caffé Hausbrandt di Treviso, che aveva assunto la procura generale per finanziare la campagna di Pasqua della Melegatti Spa e procedere con l’acquisizione dell’azienda veronese, e delusioni. Zanetti ha poi mollato l’osso, scoprendo che i debiti della Melegatti, allora dati attorno ai 27 milioni di euro, con le analisi dei commissari stavano lievitando a dismisura, fino ai 58 milioni appurati alla fine ad aprile. L’interessamento, snobbato, della Regione con l’assessore al lavoro Elena Donazzan che aveva organizzato un vertice a cui la proprietà dell’azienda non si è presentata. A nuove illusioni, come, l’entrata in scena del fondo De Shaw “sponsorizzato” pure dal consigliere regionale veronese Stefano Valdegamberi, che si era detto pronto ad investire 22 milioni di euro subito, garantire i posti di lavoro e riaprire pure la fabbrica collegata della Nuova Marelli a San Giovanni Lupatoto.

«La verità però è che dal fondo Usa è arrivata sul tavolo del giudice solo una lettera di intenti, mentre non è stata presentata nessuna domanda di concordato, che è invece quello che serviva per evitare la messa in fallimento. Il Tribunale ha cercato in tutti i modi di salvare un’azienda che era un fiore all’occhiello per Verona. Ha atteso mesi, ma nessuno alla fine ha avanzato una domanda di concordato seria», avvertono Paola Salvi degli alimentaristi della Cgil e Maurizio Tolotti della Cisl.

Una versione contro cui si scaglia un furente Valdegamberi: «La Melegatti l’hanno voluta far fallire. È una vergogna. Il fondo americano era pronto ad investire subito, ed aveva in mano anche importanti contratti con la Ferrero per portare ulteriore lavoro. Forse la vera questione di quanto avvenuto sta tutta qui: a Verona, dove la torta dei panettoni è ben divisa da secoli, qualcuno ha avuto paura che dietro agli americani arrivasse la Ferrero. Un nuovo concorrente con cui misurarsi. Quindi meglio far fallire Melegatti e mantenere lo status quo. È una vergogna».

Risultato, Verona e il Veneto danno l’addio all’ennesima azienda e ad un marchio che ha fatto la storia dei panettoni e delle colombe. Con i lavoratori che, seppur la fabbrica fosse chiusa, ogni giorno a turno entravano per salvare il suo tesoro: il lievito madre da tener vivo rimpastandolo e conservandolo come si è fatto dal 1894. Fino a ieri.

Il fallimento della Melegatti diventa un caso. Valdegamberi: «Hanno detto no al fondo Usa per paura della Ferrero» Reviewed by on . La Melegatti è fallita e ora diventa un caso, anche politico. La storica azienda di Verona, dove è nata nel 1894 la ricetta del pandoro a base di lievito madre, La Melegatti è fallita e ora diventa un caso, anche politico. La storica azienda di Verona, dove è nata nel 1894 la ricetta del pandoro a base di lievito madre, Rating: 0

Scrivi un commento

Devi essere logged in per scrivere un commento.

scroll to top
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com