29.4 C
Verona
16 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Aeroporto Catullo, Valdegamberi: «Perché Confindustria e Confcommercio lavorano contro gli interessi di Verona?»

«Sulla vicenda dell’Aeroporto Catullo c’è da chiedersi perché Confindustria e Confcommercio lavorano contro gli interessi di Verona?». A porre la questione, nei giorni in cui si sta discutendo dell’aumento di capitale per rilanciare la società dello scalo veronese, è il consigliere regionale Stefano Valdegamberi, presidente dell’associazione “Vale Verona”.

«I protagonisti dell’accordo strategico che ha messo in croce l’aeroporto Catullo, consegnandolo incondizionatamente sotto il controllo di Save, senza alcuna garanzia sugli investimenti per Verona, Confindustria e Confcommercio, sono gli stessi che ieri, nella commissione consiliare del Comune di Verona, hanno ribadito la bontà di quella scelta che ha progressivamente svuotato e marginalizzato lo scalo scaligero – accusa Valdegamberi -. Perché non si era voluto fare una gara pubblica? Nessuno risponde. Che interessi vengono pilotati dai massimi rappresentanti dietro queste categorie? Certamente non l’interesse per Verona e l’economia veronese che i rappresentanti di Confindustria e Confcommercio dovrebbero rappresentare».

«Sempre più, invece, appaiono come la lunga mano di una regia che parte da lontano. Qual è il ruolo della dirigente di Confindustria Verona nelle decisioni strategiche sulla città di Verona? Da chi riceve ordini? Sono queste le domande che mi pongo – continua il consigliere regionale -. E voi cari commercianti, l’importante è che non vi lamentiate più della decadenza dell’Aeroporto poiché, involontariamente, anche voi siete stati e siete tuttora complici delle suo destino. L’operazione Save è stata costruita a tavolino per evitare l’apertura al mercato e il confronto con altri potenziali investitori, alla faccia della concorrenza e del libero mercato sempre invocati da Confindustria».

E ancora: «I rappresentanti delle due categorie sono stati allora i protagonisti dello scellerato progetto, fatto passare come l’unico possibile quando non era affatto vero e facendo accodare nelle scelte la debole politica veronese. Per il polo del nord-est con al centro Venezia? Obiettivo vuoto, puro slogan, perché non accompagnato da piani di sviluppo su Verona vincolanti per Save ma solo promesse generiche, puntualmente inattuate. Nel frattempo – conclude Valdegamberi – tutti i voli più interessanti sono passati da Verona a Venezia».

Condividi con:

Articoli Correlati

Soave, serata di poesia al parco Zanella

massimo

Roverchiara, distrutta dalle fiamme parte della “Cereal Docks Organic”

massimo

Politiche 2022, il Pd candida come capolista alla Camera l’uscente Alessia Rotta

massimo

Politiche 2022, oggi le “Parlamentarie” 5 Stelle sui candidati: esclusa la veronese Businarolo

massimo

Verona, al “Mura Festival” appuntamento con le degustazioni di Slow Food

massimo

Ciclismo, Biondani (Autozai Petrucci Contri) quarto a Ceneda di Vittorio Veneto

massimo