13.8 C
Verona
28 Settembre 2022
Economia In evidenza ultimaora

Agriturist, il veronese Alessandro Tebaldi eletto nel consiglio nazionale

Tre veneti nel Consiglio nazionale di Agriturist, l’associazione che riunisce gli agriturismi di Confagricoltura. E tra di loro il veronese Alessandro Tebaldi, 56 anni, è titolare dell’agriturismo “Corte Attilea” a Valeggio sul Mincio ed è presidente di Agriturist Verona.

I tre veneti (gli altri due sono e i padovani Chiara Sattin e Leonardo Granata) sono stati eletti a metà settembre dall’assemblea riunita a Palazzo Della Valle, a Roma, insieme al nuovo presidente nazionale Augusto Congionti, imprenditore agricolo biologico e operatore agrituristico in provincia di Macerata.

Tebaldi, proviene da una famiglia di agricoltori ma ha lavorato per dieci anni in Confindustria a Milano. Dal 2002 è tornato a vivere a Verona, riconvertendo le vecchie strutture agricole di famiglia e realizzando un agriturismo e un birrificio. Ha introdotto anche il biologico, la produzione di pasta e progetti di energia fotovoltaica.

«Esprimo il pieno appoggio al nuovo presidente – dice Tebaldi -, che dovrà affrontare un duro lavoro di diplomazia per il rilancio di Agriturist, che ha visto appannarsi l’immagine degli agriturismi a fronte di un’indistinta proliferazione di strutture massificate. Dobbiamo recuperare la nostra identità, che è quella agricola, legata a un turismo di alta qualità, prestando attenzione alla promozione e all’immagine. A livello amministrativo e politico chiediamo di poter avere delle norme chiare e semplici, che consentano di poter lavorare serenamente. Abbiamo lavorato molto bene in Veneto per proporre un aggiornamento della normativa agrituristica e siamo in attesa di un incontro con gli assessori al turismo Federico Caner e all’agricoltura Giuseppe Pan per arrivare a una conclusione. Auspichiamo, attraverso un nuovo ordinamento regionale, che il turismo rurale venga integrato nel comparto del turismo veneto anziché essere spacchettato com’è ora. Questo consentirebbe di arrivare a una semplificazione burocratica e a una maggiore chiarezza normativa, uscendo dai canoni classici del turismo confinato nelle città d’arte e mettendo in risalto anche piccoli borghi, ville, percorsi nascosti e poco conosciuti e i prodotti locali».

Secondo i dati della Regione Veneto, aggiornati al gennaio 2019, sono 1.484, con numeri in lieve crescita rispetto ai 1.465 del 2017, di cui 696 offrono anche un servizio di ristorazione e 100 fanno agricampeggio. Verona è prima in Veneto per numero di strutture (421), seguita da Treviso (309), Vicenza (243), Padova (191), Venezia (136), Belluno (130) e Rovigo (54).

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, perde il controllo dell’auto e finisce contro un Tir colpendone il serbatoio: illeso ma strada chiusa per 3 ore

massimo

Salute, aperte le prenotazioni per le seconde dosi booster dai 12 anni in sù

massimo

Associazioni, i 50 anni dei “Veronesi nel mondo” e la “Giornata dei veneti nel Mondo”

massimo

Bardolino, il paese del Garda diventa sempre più verde: 120 mila euro per parchi e nuovi alberi

massimo

Legnago, consegnato all’istituto Medici il libro sul sacrificio del generale Dalla Chiesa

massimo

Occupazione, le farmacie Veronesi cercano oltre 30 laureati da assumere

massimo