-2.2 C
Verona
16 Gennaio 2021
Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

Ambiente, Businarolo (5Stelle): «Interrogazione al ministro Costa sul caso Ca’ del Bue»

«Un grave errore escludere l’impianto di Ca’ del Bue dalla Valutazione d’impatto ambientale. Abbiamo segnalato l’accaduto, con un’interrogazione, al ministro dell’Ambiente, Sergio Costa». Lo rende noto Francesca Businarolo, deputata del Movimento 5 Stelle. «Sulla riattivazione di Ca’ del Bue — prosegue Businarolo — i residenti della zona Sud Est di Verona, di San Giovanni Lupatoto e di San Martino Buon Albergo sollevano da anni dubbi legittimi. E meritano delle risposte. Ecco perché non ci si può accontentare delle rassicurazioni da parte di Agsm per la nuova variante che, pochi giorni fa, ha avuto l’avallo della Regione Veneto. Gli abitanti, preoccupati in particolare per i rumori e gli odori che potrebbe sprigionare l’impianto hanno il diritto di conoscere nel dettaglio l’impatto ambientale dell’operazione, in nome del diritto alla salute. L’azienda dice gli “effetti resteranno all’interno del Comune di Verona”, ma temo che queste parole non possano essere sufficienti».

«Purtroppo i cittadini delle zone coinvolte — aggiunge Roberto Bianchini, consigliere comunale di San Giovanni Lupatoto — non sono mai stati né interpellati né informati di quello che sta accadendo. Le nostre richieste di un consiglio comunale dedicato sono cadute nel vuoto. L’impressione è che la politica locale se ne sia lavata le mani e abbia lasciato fare alla Regione».

Articoli Correlati

Calcio Serie C, domani il Legnago affronta la Fermana in trasferta

massimo

Monte Baldo, tre escursionisti salvati nella notte dal Soccorso alpino

massimo

Legnago, il mercato cittadino torna ad operare al completo con gli steward

massimo

Verona, lutto nel mondo dell’auto: scomparso Paolo Vicentini

massimo

Verona, 15 enne aggredito da baby gang per rubargli la bici e la giacca

massimo

Legnago, la maggioranza del sindaco Lorenzetti perde un altro consigliere: si è dimesso Crivellente

massimo