5.3 C
Verona
29 Novembre 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Aveva trasformato l’appartamento in un bordello: arrestata brasiliana

Carabinieri02

Tutto è partito da un esposto anonimo ricevuto dai Carabinieri a metà settembre e inviato da parte degli abitanti di un condominio di via Toffaletti. Questi denunciavano la presenza di donne che offrivano prestazioni sessuali e lamentavano per i rumori a tutte le ore conseguenti al continuo via vai di persone.

Le indagini dei Carabinieri della stazione “Verona principale” hanno portato prima ad individuare l’appartamento nel quale si esercitava l’attività di prostituzione, e quindi il 27 ottobre all’arresto aai domiciliari di una donna brasiliana per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

La donna D.C.O.A., 21 anni, residente a Tregnago, aveva affittato e predisposto il locale al solo scopo di farne una vera e propria “casa chiusa” a disposizione delle prostitute che vi chiedevano d’accedere, percependone parte del denaro: luci soffuse, tendaggi dai colori caldi, candele, profumi, creme e oggetti vari. Il menu delle prestazioni con il relativo tariffario era sul sito internet. È emerso, sentendo i vari clienti, che le prostitute si alternavano nell’abitazione, e non erano mai le stesse che si vedevano sulle foto del web. Inoltre, consapevole dell’attività che veniva svolta all’interno del suo appartamento, la brasiliana era l’intestataria di tutte le utenze nonché dei cellulari utilizzati per prendere gli appuntamenti, e il suo nome compariva sul citofono.

Condividi con:

Articoli Correlati

Cologna Veneta, vinto un premio da 20 mila euro al 10eLotto

massimo

Verona, sette persone all’ospedale, di cui 4 gravi, per un incidente tra più auto

massimo

Bovolone, 86enne investito da un’auto: è gravissimo

massimo

Verona, grazie ad Adiconsum recupera 4500 euro sottrattigli con una truffa bancaria via sms

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Nogara, al Teatro Comunale in scena “Come respirare. Storie di ordinaria violenza” sul tema della violenza di genere

massimo