23.9 C
Verona
18 Maggio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Badia Calavena, ubriaco aggredisce la moglie al ristorante e poi ”morde” un carabiniere: 25enne arrestato

Prima la lite nel ristorante poi l’aggressione ai Carabinieri: nei guai un uomo di 25 anni, rumeno, residente nel mantovano.  I fatti sono accaduti domenica notte, in un ristorante in Badia Calavena, durante i festeggiamenti di un battesimo. Uno degli invitati ha esagerato con l’alcol e dopo un banale diverbio con la compagna, l’ha spintonata violentemente, tirandole contro anche una sedia, iniziando ad urlare, tanto da far preoccupare gli altri clienti che hanno tentato vanamente di bloccarlo, e non riuscendo nel loro intento hanno richiesto l’intervento dei Carabinieri, prima che la situazione potesse ulteriormente degenerare. 

Il giovane, visibilmente ubriaco, alla vista dei militari intervenuti sul posto, nonostante i ripetuti inviti a tornare alla calma, ha dato ancor di più in escandescenze, arrivando a inveire contro di loro, tentando di spintonarli per evitare di essere controllato, riuscendo anche a sferrare un morso all’avambraccio di un Militare, che tentava di contenerlo. A quel punto è stato bloccato e tratto in arresto per “resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale”, con l’ausilio di un altro equipaggio della Compagnia di San Bonifacio intervenuto presso il locale. 

Oggi, lunedì 2 ottobre, il 25enne comparirà dinanzi al Tribunale a Verona, per la convalida dell’arresto. Per il Carabiniere, solo qualche leggera abrasione.

Condividi con:

Articoli Correlati

Bussolengo, il tour sulla sicurezza nella scuola della Regione arriva all’istituto Marie Curie

massimo

Verona, incontro sul tema della diffamazione online

massimo

Soave, dalle cantine le bottiglie di Recioto per la messa di Papa Francesco a Verona

massimo

Verona, oltre 2400 fotografi in gara da tutt’Italia al “The Photo Show”

massimo

Legnago, domani e domenica la mostra di pittura di Monica Saggioro alla Cascina del Parco

massimo

Maltempo, il Guà rompe gli argini e allaga i campi del Basso ed Veronese. La Cia: «Da anni gli agricoltori denunciano il pericolo»

massimo