19.9 C
Verona
29 Settembre 2022
In evidenza Manifestazioni ultimaora

Bardolino, il sindaco Sabaini: «Nella Festa dell’uva e del vino la tradizione e il futuro»

Da sinistra, il sindaco Sabaini, Franco Cristoforetti e Ivan De Beni

«La tradizionale “Festa dell’uva e del vino Bardolino” chiude anche la stagione estiva del Garda, quella del grande afflusso turistico. Una rassegna che è anche un grande momento di promozione di tutto il territorio e del quale dobbiamo dire grazie agli agricoltori che, impegnati in questi giorni nella vendemmia, riescono ugualmente a fare di questa festa la più importante del Garda e la principale per una Doc storica come quella del Bardolino, nata nel 1968. Questa festa è tradizione ma anche futuro».

Ha esordito così, oggi, il sindaco di Bardolino, Lauro Sabaini, presentando l’evento che dal 3 al 7 ottobre animerà il lungolago e le vie del centro storico lacustre celebrando l’uva ed il vino Bardolino. «Lasciatemi poi – ha continuato Sabaini – ringraziare i tanti volontari e le associazioni che gestiscono i chioschi dei piatti tipici. Ricordo che questa, da anni, è anche una festa “plastic free”».

«Siamo in un buon momento per la nostra Doc, soprattutto per il Chiaretto la cui crescita sta supportando il calo del Bardolino, che ha raggiunto quota 10 milioni di bottiglie prodotte, e ci fa essere in positivo nelle vendite – ha chiarito il presidente del Consorzio del Bardolino, Franco Cristoforetti -. Questa festa è l’evento principale di promozione del vino Bardolino e del Chiaretto, ma a questo ne seguirà a dicembre subito un altro, di rilievo internazionale, quando durante la festa che celebra il Natale, “Dal sei al sei”, organizzeremo un la seconda edizione del “Chiaretto che verrà”, un anteprima dell’anteprima di maggio, con la presentazione dei 23 cru del Bardolino e che accoglierà anche 25 giornalisti e wineblogger in arrivo dal Nord America che per una settimana vivranno tra cantine e vigneti del Bardolino».

«Riguardo alle une, stiamo vivendo una vendemmia che promette bene per il Bardolino, con condizioni atmosferiche ottimali, meno quantità e più qualità – ha precisato Davide Ronca, della Coldiretti locale -. La tutela del territorio è un argomento importante, e gli agricoltori sono coloro che presidiano e mantengono l’ambiente. Lo sappiamo bene come sappiamo che il valore della Doc sta nel suo paesaggio».

E di territorio da promuovere hanno parlato anche Gianluca Sordo, vicepresidente di Amt Verona, che ha ricordato come da due anni l’azienda sia partner della Fondazione Bardolino Top in quest’evento perché «siamo consapevoli della ricaduta che il Garda comporta turisticamente per Verona, come tutte le iniziative che Bardolino Top organizza, fornendo ai turisti presenti sul Garda informazioni per visitare la città ed il resto della Provincia»; ed i rappresentanti del Comprensorio sciistico Folgaria, guidati da Maurizio Maragna, che rinnova per il secondo anno la sua collaborazione con la Festa dell’Uva e del Vino Bardolino, affermando «sappiamo tutto che oggi ai turisti si vende territorio, emozioni, esperienze, non più posti letto. Alla festa presenteremo le nostre proposte invernali e daremo visibilità ad aziende di Bardolino sulle piste da sci di Folgaria. Poi, proporremo anche una degustazione del nostro formaggio con la polenta, e sarà anche un evento bello da vedere».

Il Comprensorio Folgaria appoggia anche da anni l’associazione veronese “Futuro Insieme” che si occupa dei villaggi più poveri del Ruanda, costruendo scuole, acquedotti e diffondendo la cultura medica contro Aids e Malaria. «Abbiamo coinvolto durante la festa un’azienda di sfogliatine di Villafranca che, per ogni confezione acquistata, donerà 50 centesimi all’associazione “Fututo Insieme” – ha spiegato Maragna -. Fondi che si aggiungeranno a quelli che durante l’anno raccogliamo con feste ed eventi in Folgaria».

«Vi dico subito che in tutta Bardolino, ma anche a Garda come a Lazise, non abbiamo già più una camera disponibile per le cinque giornate della Festa dell’uva e del vino – ha esordito Ivan De Beni, presidente della Fondazione Bardolino Top -. Eventi come questo danno lavoro, promozione e sviluppo turistico all’intero territorio. Come Fondazione non ci fermeremo qui, stiamo preparando grandi novità, e già ci siamo confrontati con il sindaco Sabaini su un progetto che vedrà Bardolino Top occuparsi non più solo di eventi e promozione. E andremo anche oltre i confini di Bardolino. Svelo solo uno di questi progetti, già approvato dal cda e decollato: la nascita di “Bardolino Top Giovani”, una costola della Fondazione che punta a coinvolgere i giovani bardolinesi, che daranno vita a nuove iniziative che speriamo diventino di buon livello come la Festa dell’uva».

«Questa manifestazione è importante per tutto il Garda – ha avvertito Carlotta Bronuzzi, consigliere comunale – Con 3000 posti a sedere sul lungolago, 300 etichette da gustare, 90 diversi piatti è il maggiore evento di promozione turistica del territorio ed un imperdibile motore economico. Che fa 90 anni, ed a cui abbiamo dedicato un kit di degustazione con un logo speciale».

«La Festa dell’uva e del vino Bardolino è il perfetto connubio tra il territorio, i suoi prodotti d’eccellenza ed il turista – ha concluso Sabaini -. Oggi, tutti sappiamo che l’enoturismo rappresenta il futuro dell’accoglienza turistica sul Lago di Garda, e per questo abbiamo investito nel “Cammino del Bardolino”, del quale stiamo concludendo la segnaletica. E poi nei percorsi ciclistici. Ma soprattutto, abbiamo ben presente che se oggi il Garda è il giardino che tutti ci invidiano, lo dobbiamo anche alla cura con cui i viticoltori lo hanno mantenuto e lo mantengono. Ed a loro è dedicata questa festa».

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, lutto nel mondo politico e sindacale per la scomparsa di Rolando Vedovelli

massimo

Scuola&Alimentazione, lanciato dalla sede Enaip il concorso “La salute nel piatto”

massimo

Verona, perde il controllo dell’auto e finisce contro un Tir colpendone il serbatoio: illeso ma strada chiusa per 3 ore

massimo

Salute, aperte le prenotazioni per le seconde dosi booster dai 12 anni in sù

massimo

Associazioni, i 50 anni dei “Veronesi nel mondo” e la “Giornata dei veneti nel Mondo”

massimo

Bardolino, il paese del Garda diventa sempre più verde: 120 mila euro per parchi e nuovi alberi

massimo