14 C
Verona
30 Settembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Batterio killer all’ospedale della Donna e del bambino di Verona: Zaia: «Ho chiesto provvedimenti sul personale»

«Ho chiesto all’Azienda ospedaliera di Verona di assumere provvedimenti conseguenti precisando che non è la Regione a poter giuridicamente licenziare eventuale personale». L’ha detto oggi il presidente della Regione del Veneto, intervenendo sulle conclusione della relazione della Commissione tecnica esterna, coordinata da Vincenzo Baldo, ordinario di Igiene e Sanità pubblica all’Università di Padova, nella quale si afferma che il rubinetto dei lavandini interni al reparto di Terapia intensiva neonatale e di Terapia intensiva pediatrica erano colonizzati non solo dal Citrobacter, ma anche da altri batteri. E che la contaminazione sarebbe arrivata dall’esterno probabilmente a causa del mancato o parziale rispetto delle rigide misure d’igiene imposte al personale nei reparti ad alto rischio, come il lavaggio frequente delle mani, il cambio dei guanti a ogni cambio di paziente o funzione, l’utilizzo di sovrascarpe, sovracamici, calzari e mascherine. E che sarebbe stata utilizzata acqua del rubinetto e non sterile per lavare i biberon dei bimbi, tanto che il batterio è stato trovato anche sulle superfici interne ed esterne dei biberon utilizzati da due neonati».

«Ho notificato la relazione all’Azienda ospedaliera chiedendo di assumere provvedimenti conseguenti precisando che non è la Regione a poter giuridicamente licenziare eventuale personale inadempiente – ha precisato Zaia -. Si tratta di uno dei batteri più terribili – ha spiegato il governatore -. Si parla di 98 pazienti, alcuni hanno perso la vita, altri hanno una qualità della vita pregiudicata. Penso che la relazione della Commissione ispettiva istituita ci impegni in alcune riflessioni: da un lato ci sono le famiglie con il loro diritto alla giustizia, dall’altro gli operatori e di mezzo il Tribunale. Per questo ho chiesto che la relazione sia inviata alla Procura della Repubblica, all’azienda ospedaliera e sia messa nelle disponibilità dei famigliari che purtroppo hanno incrociato il Citrobacter e vissuto questa tragedia».

Condividi con:

Articoli Correlati

Poste Italiane, i cittadini di Legnago, S. Bonifacio, Pescantina coinvolti nel progetto “Etichetta la cassetta”

massimo

Legnago, lutto nel mondo politico e sindacale per la scomparsa di Rolando Vedovelli

massimo

Scuola&Alimentazione, lanciato dalla sede Enaip il concorso “La salute nel piatto”

massimo

Verona, perde il controllo dell’auto e finisce contro un Tir colpendone il serbatoio: illeso ma strada chiusa per 3 ore

massimo

Salute, aperte le prenotazioni per le seconde dosi booster dai 12 anni in sù

massimo

Associazioni, i 50 anni dei “Veronesi nel mondo” e la “Giornata dei veneti nel Mondo”

massimo