26.7 C
Verona
17 Giugno 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Bosco Chiesanuova, due cinquantenni (un cuoco e un muratore) uccisi dal monossido di carbonio

Sono stati trovati morti ancora nel loro letto, probabilmente spirati nel sonno come i loro cani, senza accorgersi che il monossido di carbonio stava riempendo quella casa e li stava uccidendo.

Le due vittime sono Paolo de Francesco, 50 anni, muratore di origini siciliane ma da anni a Sommacanpagna, e Riccardo Burli, 50 anni, veronese, cuoco. Il primo era scomparso da sabato, come risultata dalla denuncia ai carabinieri da parte di alcuni famigliari. Il secondo era residente in quell’appartamento di Contrada Prati, a Bosco Chiesanuova, dove ieri sera a tarda ora sono arrivati i carabinieri e li hanno rinvenuti esamini.

Il decesso è avvenuto verosimilmente per asfissia da monossido di carbonio, sprigionato probabilmente da una caldaia, come constatato dal medico legale intervenuto sul posto unitamente al locale Comando Stazione Carabinieri ed a personale dei VV.F. di Verona che si sono riservati un ulteriore sopralluogo nei prossimi giorni. Le salme sono state messe a disposizione dell’autorità giudiziaria che ha disposto comunque l’esame autoptico.

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, accordo per il ballottaggio tra Longhi e Danieli dopo un mese di scontri

massimo

San Bonifacio, Soave incassa il sostegno di Fratelli d’Italia in vista del ballottaggio

massimo

Legnago, operazione contro il caporalato: due arrestati e 4 indagati

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Verona, tenta di entrare nella casa della compagna nonostante il divieto di avvicinamento: arrestato

massimo

Casaleone, torna il weekend della Festa della Birra

massimo