25.7 C
Verona
21 Giugno 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Bosco Chiesanuova, minorenne adescata sui social a scopo sessuale, arrestato 61enne di Bari

Un 61enne italiano residente a Bari è stato tratto in arresto dai Carabinieri, in esecuzione di Ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Bari, poiché indagato per “adescamento e corruzione di minorenni, tentati atti sessuali con minorenne, tentata estorsione e tentata violenza sessuale” essendo riconosciuti gravi indizi di colpevolezza nei suoi confronti.

I fatti risalgono allo scorso anno, quando il lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19 ha costretto molti studenti alla didattica a distanza. L’uomo in quel periodo è riuscito tramite le piattaforme social di Whatsappe Instagram, ad adescare in totale 14 ragazzine, tutte minorenni di età compresa tra i 10 e i 16 anni, attraverso vari tentativi di organizzare incontri sessuali sia in chat che di persona.

Fortunatamente, una delle chat allarmanti, è arrivata all’attenzione della madre di una giovane residente nel veronese, che si è subito recata alla Stazione Carabinieri di Bosco Chiesanuova per raccontare, telefono alla mano, quello che stava accadendo alla figlia, caduta vittima dell’adescamento. Dalla denuncia, sono subito scattate le prime indagini, che hanno consentito di risalire all’intestatario dell’utenza da cui partivano le scandalose chat. Immediata la perquisizione a casa dell’uomo, che ha permesso di rinvenire il telefono cellulare dell’indagato, dalla cui analisi sono emerse numerose conversazioni intrattenute con minorenni, residenti in ogni parte d’Italia ed adescate con artifizi e lusinghe tramite app e account falsi, talvolta spacciandosi per un 18enne.

Al termine dell’attività d’indagine condotta dalla Stazione di Bosco Chiesanuova con il supporto della Stazione di Bari Scalo, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bari, su richiesta di quella Procura, ha pertanto emesso l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell’uomo. Il provvedimento è stato successivamente eseguito dalla Sezione Operativa della Compagnia di Bari Centro.

Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e, all’esecuzione della misura cautelare, seguirà l’interrogatorio di garanzia e il confronto con la difesa degli indagati, la cui eventuale colpevolezza, in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo nel contraddittorio tra le parti.

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, Soave fa appello all’unità del centrodestra per il ballottaggio contro Verona

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Villafranca, 75enne ucciso con un colpo di pistola durante una lite tra giostrai

massimo

Verona, presidio della Cgil sanità: «Subito le assunzioni di operatori sociosanitari e infermieri»

massimo

San Pietro in Cariano, finisce fuoristrada con l’auto: grave 70enne

massimo

Soave, il sindaco Pressi sui ristori per i danni del maltempo: «Preoccupato dal silenzio del Governo»

massimo