29.4 C
Verona
16 Agosto 2022
Basso Veronese In evidenza Spettacoli & cultura Spettacoli & cultura ultimaora

Bovolone, sette giovedì d’arte da Giotto a Van Gogh

Bovolone Auditorium_2_784_3063

Sette incontri dedicati al mondo della storia dell’arte non solo italiana ma internazionale. È quanto propone la rassegna culturale “Percorso d’arte da Giotto a Van Gogh” che si inaugura stasera, giovedì 7 settembre alle 20,45 akl’Auditorium del cortile interno del Palazzo Vescovile di Bovolone, per proseguire fino al 19 ottobre. Un percorso che parte da Giotto, anticipatore del tempo, per giungere al visionario Van Gogh e al suo uso del colore.

Ideatore e relatore della rassegna è Luigi Manfrin, rettore di numerose Università del tempo libero del Basso Veronese, grazie al supporto dell’amministrazione comunale e del gruppo “Bovolone Cultura”. Attraverso immagini e racconti Manfrin descriverà la Famiglia Medici e la splendida Firenze, esplorando insieme il più alto momento del Rinascimento italiano; Leonardo da Vinci e i segreti celati dietro la sua opera più dibattuta: il Cenacolo; Andrea Palladio che ha reso il nostro territorio noto in tutto il mondo per l’architetttura che congiunge il mondo classico con quello contemporaneo; l’enigmatico e complesso Caravaggio che tanto ha fatto discutere con i suoi capolavori ombrosi; Venezia, la città secolare che ha ospitato uomini da tutto il mondo occidentale ed orientale, che ha ispirato i più grandi artisti e qui verrà narrata attraverso gli occhi dei vedutisti da Canaletto fino a Claude Monet.

Condividi con:

Articoli Correlati

Soave, serata di poesia al parco Zanella

massimo

Roverchiara, distrutta dalle fiamme parte della “Cereal Docks Organic”

massimo

Politiche 2022, il Pd candida come capolista alla Camera l’uscente Alessia Rotta

massimo

Politiche 2022, oggi le “Parlamentarie” 5 Stelle sui candidati: esclusa la veronese Businarolo

massimo

Verona, al “Mura Festival” appuntamento con le degustazioni di Slow Food

massimo

Ciclismo, Biondani (Autozai Petrucci Contri) quarto a Ceneda di Vittorio Veneto

massimo