22.9 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Brentino Belluno, è un manager di origini tedesche il ciclista travolto e ucciso da un Suv

braun_meinhard

È il manager di origini tedesche dell’industria di carrelli elevatori “Om Still” di Luzzara (Reggio Emilia) il ciclista rimasto vittima dell’incidente di questa mattina a Brentino Belluno. L’uomo, Meinhard Braun, 47 anni, è stato investito in pieno da un fuoristrada che in quel momento stava effettuando un sorpasso in un tratto di strada segnato con la linea continua. Travolto anche un amico di Meinhard, trasportato con l’elicottero di Verona Emergenza all’ospedale di Borgo Trento dove è ricoverato in prognosi riservata per le numerose fratture. Illeso il terzo ciclista del gruppetto di amici che è riuscito a schivare l’auto.

Il gravissimo incidente è avvenuto alle 7,30 di questa mattina sulla provinciale 11 in località Bra nel Comune di Brentino Belluno. L’investitore è un automobilista trentino che stava dirigendosi all’ospedale di Borgo Trento a Verona per sottoporsi a dei controlli.

La vittima era l’amministratore delegato della “Om Still” e risiedeva nel Mantovano dal 2000 quando, assunto in Linde Group, era stato inviato in Italia con il ruolo di progettista. Nel novembre 2014 era diventato l’amministratore delegato dello stabilimento di Luzzara.

Assieme ai due amici stava pedalando sulla provinciale in direzione di Trento. Nato a Marburg, in Germania, Braun lascia due figli.

Condividi con:

Articoli Correlati

Rally, il legnaghese Strabello secondo in classe 4 al “Salsomaggiore Terme”

massimo

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo