8.6 C
Verona
4 Dicembre 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Bussolengo, denunciati per aver organizzato un funerale con oltre 30 persone

La Polizia di Stato ha denunciato ieri i due titolari di una agenzia di pompe funebri che avevano organizzato un funerale con la presenza di diverse decine di persone nei locali di una casa funeraria di Bussolengo.

Come noto il Decreti del presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo scorso ha vietato la celebrazione di cerimonie religiose e civili al fine di tutelare la salute pubblica. Per questo motivo gli operatori di un equipaggio della Polizia Stradale nell’ambito dei controlli disposti proprio per verificare il rispetto del divieto di lasciare il domicilio senza giustificato motivo, sono rimasti stupiti nell’apprendere dai passeggeri di un’autovettura fermata che erano diretti ad un funerale.

Gli agenti si sono quindi immediatamente diretti nel luogo indicato da amici della persona deceduta, trovando una trentina di persone che si apprestavano a dare l’estremo saluto ad un proprio caro. I presenti, che erano convinti che l’evento non fosse vietato, hanno spontaneamente e prontamente lasciato il luogo della cerimonia, consentendo così, ai parenti più prossimi, in un numero più ridotto che consentisse l’evitarsi di un assembramento di persone, di seguire le esequie fino al termine.

Per i due titolari dell’agenzia di pompe funebri, due fratelli di origine veronese, che avevano invece organizzato la celebrazione è scattata la segnalazione all’autorità Giudiziaria di Verona.

Condividi con:

Articoli Correlati

Sanità, domani sera su Report un’inchiesta sulla situazione di ospedali e pronto soccorsi in Veneto

massimo

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo