10.6 C
Verona
1 Febbraio 2023
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Bussolengo-Pescantina, bocciati in Regione dalla Commissione via i progetti dei due ponti diga sull’Adige

La commissione Via (Valutazione di impatto ambientale) della Regione ha bocciato, oggi a Venezia, i due progetti presentati da Iniziative Veronesi per le dighe in prossimità dei ponti di Arcè e Settimo sul fiume Adige. Tra i motivi del parere negativo il pregiudizio per gli abitati delle due frazioni evidenziati anche nelle osservazioni presentate dal Comune di Pescantina. Il parere negativo della commissione Via giunge dopo che la Commissione Tecnica Regionale aveva cassato i progetti principalmente per il mancato rispetto delle norme tecniche sulla costruzione dei ponti in quanto la distanza tra le pile prevista era inferiore ai 40 metri richiesti dalla legge per evitare ostruzioni al defluire delle acque. Anche la Soprintendenza aveva dato parere negativo per il forte impatto dei due progetti sia sui centri storici di Arcè e Settimo sia sul paesaggio fluviale. Durante l’istruttoria sono state evidenziate anche le criticità viabilistiche connesse al traffico di attraversamento dei due borghi storici.

«Questo ulteriore risultato positivo premia il forte impegno dell’amministrazione nelle questioni ambientali: dalla soluzione per la bonifica di Cà Filissine, all’incremento della raccolta differenziata dei rifiuti, alla revoca dell’autorizzazione all’ampliamento della cava di Cà Cerè, al recente ritiro del progetto di un ulteriore frantoio ad Ospedaletto si giunge oggi al diniego di due interventi che avrebbero fortemente compromesso il rapporto tra Pescantina ed il suo fiume – dice il sindaco di Pescantina, Luigi Cadura -. Questi esempi dimostrano che quando una amministrazione si impegna ponendo al primo posto la tutela proprio territorio e dei suoi abitanti si ottengono risultati anche sensazionali Gli obiettivi raggiunti sono estremamente positivi  per un comune che deve puntare sulla salvaguardia del proprio territorio per migliorare la qualità di vita dei propri cittadini e sviluppare la potenzialità turistica legata alle risorse naturali come il nostro fiume che, dopo il risultato odierno, può continuare a scorrere tranquillo».

Condividi con:

Articoli Correlati

Processo Pfas, studio professoressa Facchin coerente col reato di disastro ambientale

massimo

Verona, “Rossi Moto” nuova concessionaria ufficiale Suzuki per il Veronese

massimo

Calcio Serie D, il Legnago Salus offre il bus ai tifosi per la trasferta ad Adria

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Negrar, a Villa Albertini lo spettacolo dedicato ad Arpad Weisz calciatore e allenatore morto ad Auschwitz

massimo

Verona, blitz della Polizia locale con sgomberi, arresti e sequestro di droga

massimo