28.3 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Bussolengo, tre in manette per furto di energia elettrica: avevano attaccato due case

I Carabinieri di Bussolengo hanno tratto in arresto ieri per furto di energia elettrica una donna di anni 44, F.G., e due uomini, C.R. ed F.E., rispettivamente di anni 51 e 77, tutti residenti a Verona ma di fatto domiciliati a Bussolengo. I militari dell’Arma sono intervenuti ieri, 22 febbraio, nell’abitazione di F.G. per un sopralluogo assieme a personale dell’Enel che voleva verificare una possibile alterazione dell’impianto di fornitura elettrica.

Ed infatti, i tecnici hanno constatato che l’impianto, predisposto per una fornitura di energia elettrica nel limite di 1,5 KW, era stato manomesso e sovrapotenziato sino a 20 KW, il che avrebbe dei costi nettamente maggiori. Ma non solo, lo stesso impianto, oltre a fornire energia elettrica all’abitazione di F.G., la quale aveva sottoscritto il relativo contratto, forniva energia elettrica anche ad altre due vicine abitazioni di proprietà di C.R. ed F.E., mediante un collegamento artigianale di cavi nascosto sotto terra. I Carabinieri di Bussolengo, avuta la presenza dei tre proprietari, tutti tra di loro imparentati, procedevano al loro arresto in flagranza per furto di energia elettrica.

Questi ultimi, dopo le formalità di rito, venivano accompagnati nelle loro rispettive abitazioni poiché sottoposti agli arresti domiciliari, in attesa di essere giudicati con rito il direttissimo, come disposto dal Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica del Tribunale di Verona. Il processo si è celebrato nella mattinata odierna e si è concluso con la liberazione dei tre arrestati ed il rinvio dell’udienza ad altra data in accoglimento della richiesta dei “termini a difesa” avanzata dal loro legale.

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, uomo colpito dal virus “West Nile” causato dalla puntura di zanzara infetta

massimo

Rally, il legnaghese Strabello secondo in classe 4 al “Salsomaggiore Terme”

massimo

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo