10.7 C
Verona
18 Maggio 2021
Cronaca Cronaca Est Veronese ultimaora

Caldiero, ricordato il partigiano sovietico nelle celebrazioni per la Liberazione dai nazifascisti

in occasione delle celebrazioni per il 76 anniversario della Liberazione a Caldiero accanto alle commemorazioni per ricordare i caduti della seconda Guerra mondiale e per fare memoria delle vittime civili del secondo conflitto il sindaco Marcello Lovato, a nome di tutta la cittadinanza, ha voluto ricordare la figura del partigiano sovietico “Villy” Vladimir Tulisko ucciso dai nazisti proprio il 25 aprile del 1945.

Per iniziativa dell’Associazione Conoscere Eurasia di Verona il 20 ottobre 2020 è stato inaugurato il monumento a ricordo di questo giovane soldato sovietico passato nelle file della Resistenza italiana e trucidato da un gruppo di nazisti in fuga verso la Germania proprio l’ultimo giorno di guerra. Il paese di Caldiero nel tempo ha ricordato questo giovane morto per la nostra libertà per merito di una giovinetta che, impietosita per questa uccisione, ha sempre portato un fiore nella tomba dell’ignoto partigiano. Solo nel 1987 grazie alle ricerche di un giovane del paese, Adriano Dotto, è stata restituita l’identità al giovane.

«Questa vicenda ci ricorda che difronte alle atrocità della guerra l’unico sentimento che ci permette di sopravvivere è la fraternità che ha mosso la signora Bertilla a ricordare questo giovane morto per la nostra libertà. Questa storia è una storia di un paese, Caldiero, che ha saputo esprimere la solidarietà e che non ha dimenticato chi ha contribuito a darci un futuro di pace», sottolinea il sindaco Lovato.

Condividi con:

Articoli Correlati

Lazise, arrestati dalla Squadra Mobile di Verona con 5,5 chili di cocaina nel vano motore dell’auto

massimo

Verona, arrestati con 170 grammi di eroina: erano già ai domiciliari

massimo

Legnago, il Comune sigla un accordo con “Plastic Free” per la tutela dell’ambiente

massimo

Isola della Scala, è il cugino del calciatore Meggiorini la vittima dell’incidente di sabato a Lazise

massimo

Ciclismo, Lonardi dell’ Autozai Petrucci Contri secondo a Sacile

massimo

Lazise, si ribaltano con l’auto: un morto e un ferito grave

massimo