19.1 C
Verona
19 Maggio 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona provincia

Caprino Veronese, trovati con mezzo chilo di cocaina: due arresti dei carabinieri

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Caprino Veronese hanno tratto in arresto due cittadini extracomunitari di nazionalità magrebina, A.Y. di anni 42  residente in provincia di Verona , ed E.A. di anni 35 residente in provincia di Mantova, sorpresi con oltre mezzo chilogrammo  di cocaina.

Gli investigatori di Caprino erano sulle tracce dei due da tempo, avendoli notati nella zona del centro commerciale di Affi dove si incontravano. Uno dei due, il residente nel Mantovano, è un operaio di una azienda operante nella zona del Garda, mentre il secondo, residente nel Basso Veronese, è risultato essere privo di occupazione. Venerdì sera i due sono stati rintracciati a Castiglione delle Stiviere (Mantova) dai Carabinieri di Caprino, mentre giungevano in auto nell’abitazione del trentacinquenne e trovati in possesso di un panetto di cocaina del peso di oltre 500 grammi. Il valore della sostanza sequestrata all’ingrosso è di circa 20.000 euro, se tagliata e rivenduta al dettaglio il valore è di circa100.000 euro.

I due sono stati tratti in arresto per le ipotesi accusatorie di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni al militare intervenuto e detenzione a fini di spaccio, nonché a disposizione della Procura della Repubblica di Mantova che sabato ne ha richiesto la convalida dell’arresto e la misura cautelare della custodia in carcere.

Condividi con:

Articoli Correlati

Bussolengo, il tour sulla sicurezza nella scuola della Regione arriva all’istituto Marie Curie

massimo

Verona, incontro sul tema della diffamazione online

massimo

Soave, dalle cantine le bottiglie di Recioto per la messa di Papa Francesco a Verona

massimo

Verona, oltre 2400 fotografi in gara da tutt’Italia al “The Photo Show”

massimo

Legnago, domani e domenica la mostra di pittura di Monica Saggioro alla Cascina del Parco

massimo

Maltempo, il Guà rompe gli argini e allaga i campi del Basso ed Veronese. La Cia: «Da anni gli agricoltori denunciano il pericolo»

massimo