22.2 C
Verona
12 Aprile 2024
Basso Veronese In evidenza Politica

Casali agli elettori: «La qualità dell’agricoltura e della biodiversità della Pianura veronese sono un’eccellenza del Veneto»

casalis02

Il vicesindaco di Verona, Stefano Casali, candidato con la Lista Tosi alle elezioni regionali del Veneto, ha incontrato ieri elettrici ed elettori a Bovolone. A pochi giorni dalla chiusura della campagna elettorale, al centro “Crosare”. Casali ha illustrato i principali punti del suo programma elettorale, con un occhio di riguardo ai temi economici e sociali che toccano da vicino i cittadini del Basso Veronese: «Urgono iniziative per il settore agricolo, in particolare della pianura scaligera, che rappresenta uno dei tessuti produttivi più importanti della nostra regione. Meritano grande attenzione l’agricoltura, la formazione professionale, il sociale e il turismo. È urgente invertire la tendenza, riconquistando la fiducia degli elettori ormai sempre più delusi dalla politica e tornare ad essere in sintonia con la gente, con il mondo produttivo veneto e veronese. Il mio impegno sarà quello di accompagnare e seguire in prima persona gli agricoltori, costruendo sinergie e strategie comuni. La qualità dell’agricoltura e della biodiversità della Pianura veronese sono un’eccellenza del Veneto, che coniuga tradizione e innovazione e ha tutte le carte in regola per competere sui mercati interni ed esteri».

Casali ha poi spostato l’attenzione sulla crisi che da anni sta affliggendo il distretto veronese del mobile artigianale. «Un settore passato dalle circa 2.600 aziende di oltre venti anni fa alle attuali 1.381, che non attira più giovani e che ha perso le sue scuole famose a livello nazionale, proprio dedicate all’ebanisteria. Quel polmone professionale che formava dai falegnami ai restauratori, dai disegnatori agli arredatori non c’è più perché mancano fondi e alunni: serve una piattaforma di pianificazione e sviluppo in cui produzione e distribuzione possano dialogare per creare nuovi format, superando il concetto di distretto produttivo e puntando sulla nascita delle reti d’impresa in cui industria, artigianato, distribuzione indipendente e mondo del progetto si aggreghino per crescere e competere sul mercato globale».

Il vicesindaco di Verona ha inoltre promesso impegno e attenzione alla riqualificazione del territorio ed al settore del sociale, annunciando infine l’intenzione di spendersi in prima persona per favorire l’incontro tra persone, associazioni e istituzioni di tutto il tessuto economico sociale del Basso veronese, con lo scopo di promuovere i valori dell’identità storica di questo territorio.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, ampia partecipazione al presidio in piazza Cittadella per lo sciopero dei settori privati

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Verona, conclusa la prima fase del concorso di idee per l’ex Seminario con 73 proposte

massimo

Torri del Benaco, tenta di uccidere il padre a coltellate: arrestato dai Carabinieri

massimo

Castelnuovo del Garda, arrestati due italiani per la rapina in villa a coppia di anziani

massimo

Verona, Enrichetta Alimena presenta il suo libro “Lotta per l’inclusione” sulla disabilità

massimo