7.7 C
Verona
2 Dicembre 2022
In evidenza Politica Politica ultimaora Verona provincia

Caso Incalza, Businarolo (M5S): «Fermare iter grandi opere in Veneto»

businarolo-parlamento

«Fermare subito l’iter delle grandi opere per poter garantire il proseguimento delle indagini. Mi sembra il minimo da fare visto l’entità degli arresti». È la richiesta che arriva da Francesca Businarolo, onorevole veronese del Movimento 5Stelle, in merito all’ennesimo scandalo che ha colpito la pubblica amministrazione, portando all’incarcerazione di Ercole Incalza. Tra le opere da mettere quantomeno in stand by, anche il tratto di Tav tra Brescia e Verona, citato apertamente nelle indagini e la Pedemontana vicentina.

«Desta davvero poco stupore il coinvolgimento di opere in corso di progettazione o costruzione nella Regione Veneto – prosegue Businarolo – la corruzione ha terreno fertile anche al Nordest, come ha già dimostrato la tangentopoli legata al Mose».

Già all’epoca del Mose, infatti, il Movimento 5 Stelle aveva chiesto al Ministro Lupi di rimuovere Incalza. All’epoca, la risposta ricevuta è stata che l’operato del potente dirigente pubblico era stato ineccepibile.

«Sulla vicenda abbiamo interrogato il governo nel Question Time dedicato, oggi pomeriggio – specifica Businarolo -. Ancora una volta occorre ribadire la nostra ferma opposizione all’Alta velocità, un progetto che, se ha padre, è proprio Incalza. Si tratta di un’opera già bacata nelle premesse, non c’è modo di salvarla».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo

Tragedia nel ciclismo: Davide Rebellin travolto e ucciso da un Tir mentre si allena in bicicletta

massimo

Verona, folle fuga in auto contromano in tangenziale per scappare ai Carabinieri

massimo

San Bonifacio,  arrestati dai Carabinieri i due autori della rapina ad un’anziana al cimitero

massimo