30.5 C
Verona
10 Agosto 2022
Economia In evidenza ultimaora

Categorie, nasce la Federazione matrimoni ed eventi privati Veneta con presidente Giulia Bolla

La veronese Giulia Bolla nominata presidente della Federmep l’associazione di categoria che tutela i liberi professionisti e tutti i lavoratori del settore “matrimoni ed eventi privati”. La presentazione ufficiale della delegazione per la Regione Veneto è avvenuta ieri, martedì 23 marzo. Gli obiettivi sono portare alla luce le difficoltà di un comparto che ancora non è stato riconosciuto e tutelato, in Veneto come in altre regioni d’Italia, in questa crisi da Covid. Aziende e liberi professionisti che non lavorano da più di un anno e che a causa della mancanza di codici Ateco specifici non solo non hanno ottenuto ristori proporzionati alle perdite subite ma non hanno nemmeno protocolli e programmi peculiari per la ripartenza.

«Ci siamo rimboccati le maniche e stiamo cercando di proporre soluzioni efficaci, stiamo infatti portando avanti vari progetti, tra i quali una proposta che prevede la trasformazione di luoghi all’aperto come parchi, giardini, dimore storiche e ville in case comunali, così da poter garantire celebrazioni civili legalmente valide all’aperto, in grandi spazi arieggiati – spiega Giulia Bolla, capo delegazione del Veneto – ma abbiamo bisogno del supporto da parte di tutti i lavoratori del settore, fare squadra in questo momento è fondamentale».

«La nascita di una delegazione in Veneto di Federmep è un passo importante per tutti i professionisti che hanno investito nelle loro attività e che fino ad oggi non hanno ottenuto nulla se non vane promesse», dice Alice Guiotto che si occupa delle comunicazioni e dei rapporti con le istituzioni per la delegazione.

«Il Veneto grazie a città come Venezia e Verona è uno dei luoghi più richiesti come destination wedding e uno dei più colpiti a causa del blocco totale. Si pensi solo all’indotto che un matrimonio di stranieri portava alle nostre attività. Ci sono almeno 10 professionisti che lavorano dietro le quinte di un matrimonio, senza contare le strutture ricettive», aggiungono Silvia Baldan e Mirko Zago responsabili della segreteria organizzativa.

La delegazione Federmep per il Veneto è quindi pronta per farsi da portavoce con le istituzioni, sono già stati presi contatti con alcuni consiglieri regionali, grazie ai quali è stata presentata una mozione che prevede la richiesta di aiuti e sostegno al Governo. L’obiettivo principale della delegazione, però, è sempre quello di ottenere dettagli e date sulla ripartenza oltre a un riconoscimento specifico grazie a codici Ateco identificativi. Nel frattempo Federmep per l’Italia attende gli Stati Generali ai quali chiederà ulteriori interventi in quanto il decreto Sostegno presenta luci e ombre: la luce viene dal riconoscimento del settore Matrimoni ed eventi privati e dalla ridefinizione dei criteri per definire i ristori; le ombre sono date dall’esiguità del fondo destinato al nostro comparto: 200 milioni da dividere con altri settori e con un consistente numero di imprese.

«Un primo passo è stato fatto, ma non ci basta. Di fronte a questi fatti è ancor più importante l’appuntamento del 7 aprile, quando si terranno gli Stati generali del settore Matrimoni ed eventi privati – afferma Serena Ranieri, presidente nazionale di Federmep -. Il nostro è un comparto che conta oltre 50 mila operatori economici totalmente fermi da un anno e che produceva un giro di affari di circa 50 miliardi, ridotto del 90%».

Condividi con:

Articoli Correlati

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo

Trasporti, l’europarlamentare veronese Borchia (Lega) attacca sulle nuove restrizioni al traffico al Brennero

massimo