5 C
Verona
6 Febbraio 2023
Basso Veronese In evidenza Politica Politica ultimaora

Cerea, Franzoni ha “sciolto” la coalizione: «Ma resto candidato»

franzonim

«A seguito di una attenta riflessione, anche sofferta, ho deciso di sciogliere ogni vincolo tra le forze che avevano sottoscritto la volontà di sostenermi quale candidato sindaco indipendente e senza tessere di partito».

Inizia così il comunicato con cui, oggi, alle 13,47, Marco Franzoni, attuale vicesindaco di Cerea e fino a quel momento candidato sindaco alle amministrative dell’11 giugno per tutto il centrodestra, ha ufficialmente mandato a carte e quarantotto la coalizione che attorno a lui si era creata, stanco, si capisce dalle sue parole, dagli scontri verbali, distinguo, attacchi emersi negli ultimi giorni tra Lega Nord e il sindaco attuale Paolo Marconcini, uomo di Forza Italia Giorgettiana,

«Proprio in virtù di questa indipendenza, accettando la candidatura, avevo chiesto poche ma essenziali cose: rispetto, dignità, coesione, dialogo e rinuncia ai personalismi. Nelle ultime settimane, invece, tra ipotesi di terzo mandato, simboli, liste personali, fusione, Tosi o non Tosi e primedonne, i principi che avevo indicato come non negoziabili sono stati ampiamente disattesi – spiega Franzoni -. Pertanto, come avevo già detto chiaramente a tutti qualche settimana fa, essendo mia facoltà farlo, come era ed è anche per le forze politiche coinvolte, prendo atto della non volontà di qualcuno di attenersi ai patti e ufficializzo lo scioglimento della coalizione, assumendomi la piena responsabilità di questa scelta».

«Che, sia chiaro, non significa assolutamente un mio passo indietro – precisa però subito Franzoni -. Io vado avanti, concentrandomi su quello che veramente ci deve stare a cuore, ossia l’interesse comune e il bene che possiamo fare per i nostri concittadini. Non esiste più spazio per i teatrini. Rimango dunque pienamente in campo, ma al mio fianco voglio solo persone e gruppi che dimostrino piena e assoluta fiducia in me e nel progetto delineato per la città di Cerea. Queste le condizioni semplici e chiare che pongo. Come candidato sindaco credo di dovere e poter chiedere un nuovo patto, che rispetti pienamente quei principi che ho elencato prima ed ai quali non sono disposto a rinunciare».

Con chi correrà quindi, Franzoni? Con i giorgettiani del sindaco Marconcini? Pare proprio di no da quel che si capisce, più facile che resti in piedi l’accordo tra una parte di Fi, la Lega Nord e la civica “Bene Comune” di Stefano Brendaglia. Certo è che i giochi amministrativi, che a Cerea sembravano fatti, si rimescolano alla grande.

Condividi con:

Articoli Correlati

Innovazione, attiva da oggi la App “ViviVeneto” con servizi dalla Sanità al Turismo

massimo

Ulss 9, il nuovo presidente della Conferenza dei sindaci è Luisa Ceni

massimo

Scoperto un lavoratore “in nero” e multe per 80 mila euro dei Carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro in 5 attività commerciali

massimo

Legnago, al liceo Cotta la testimonianza sui lager nazifascisti del rodigino Bonomi

massimo

Soave, per il Giorno del Ricordo lo spettacolo “Mili muoi – L’esodo dei miei” di e con Carlo Colombo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco