0.4 C
Verona
28 Gennaio 2023
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Cerea, la Polizia tra gli studenti delle medie Sommariva per parlare di legalità

“Prevenire” è la parola d’ordine: è questa la missione che sta alla base delle iniziative che la Polizia di Stato continua a promuovere all’interno delle Scuole, con gli alunni di ogni fascia d’età. Coscienti del fatto che la prevenzione passa necessariamente attraverso la conoscenza e il dialogo, i poliziotti della Questura di Verona hanno incontrato, questa mattina, circa 500 studenti dell’Istituto Comprensivo “F.lli Sommariva” di Cerea: la visita si è inserita nel più ampio progetto di educazione alla legalità con il quale la Polizia di Stato intende informare i giovani sulle tematiche che, nella realtà d’oggi, coinvolgono maggiormente il mondo degli adolescenti.

Nella giornata celebrativa del 27° Anniversario della strage di Capaci, su richiesta del dirigente scolastico, dottor Antonino Puma, e con la collaborazione dei docenti, i ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado hanno affrontato, insieme ai poliziotti, le tematiche della legalità e del rispetto delle regole. L’obiettivo è stato quello di stimolare, negli studenti, la riflessione sull’importanza della legalità e della sicurezza nella vita di tutti i giorni che passa, necessariamente, attraverso la partecipazione attiva e consapevole di tutti i cittadini.

Cercando di dotare gli studenti di tutte le indicazioni necessarie a farne soggetti attivi e collaborativi e di stimolare, negli stessi, un forte senso di responsabilità civica, i poliziotti della Polizia Stradale hanno illustrato ai giovani i mezzi e gli strumenti di consueto utilizzati per prevenire le più gravi tragedie che possono verificarsi su strada. Giornalmente, infatti, la Polizia di Stato, oltre ad esercitare un’azione repressiva su quelle che sono le cattive abitudini degli utenti della strada, si impegna a svolgere un’attività preventiva, che vede i giovani come i primissimi destinatari.

Quest’importante momento è stato corredato anche dall’esperienza del personale della Croce Rossa che ha illustrato ai giovani, anche mediante esempi pratici, il rischio della guida in stato d’ebbrezza.

Condividi con:

Articoli Correlati

Innovazione, i marmisti veronesi sposano l’intelligenza artificiale nel segno di risparmio energetico e sostenibilità

massimo

Verona, l’uomo morto oggi in un incidente è un 72enne investito dalla sua auto

massimo

Soave, in municipio apre il Poliambulatorio di servizi alla persona  

massimo

Verona, 50enne perde la vita investito e schiacciato da un’auto

massimo

Casaleone, da stasera si celebra con due weekend di degustazioni ed eventi il Radicchio rosso

massimo

Viabilità, dalle 20 di stasera la Tangenziale Nord torna tutta a due corsie

massimo