29.4 C
Verona
16 Agosto 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Cerea, la Regione assegna a Quattrini l’attestato di Maestro Artigiano di Bottega Scuola

Riconoscimento della Regione all’artigiano ceretano novantenne Marcello Quattrini. A fine dicembre, infatti, è arrivato da Venezia il riconoscimento di “Maestro Artigiano di Bottega Scuola” per il Commendator Marcello Quattrini, concesso dalla Regione Veneto «per la capacità nel creare mobili originali e di pregio, per l’impegno, l’amore e la costanza con cui ha insegnato l’arte ai circa sessanta ragazzi che in trent’anni di attività sono passati dal suo laboratorio».

Il maestro Marcello, artigiano novantenne, vuol far conoscere e comprendere alle nuove generazioni, che fin dalla metà del secolo scorso, esistevano delle realtà in cui l’insegnamento ai giovani era svolto con grande passione, così da riuscire ad attrarre ragazzi per poter portare avanti l’arte della falegnameria nelle botteghe artigiane, far capire che era un lavoro duro, ma se svolto con passione e amore dava grandi soddisfazioni.

«Ilnsegnare ad usare la matita, cercare di dare forma alle proprie idee, per poi riuscire a costruire ciò che avevano nella loro mente, dava grande soddisfazione – spiega ancora oggi Quattrini -. Ed, infatti, fra i tanti giovani che sono passati dalla mia bottega scuola, un gruppetto si è appassionato e per questo la “Bottega Scuola del Commendator Marcello Quattrini” (nella foto un gruppo di allievi con Qauttrini) ha ricevuto molte onorificenze, attestati e medaglie aLle varie mostre, anche a livello internazionale a cui ha partecipato,

«La delusione in quel periodo è stata ricevuta dalla Regione Veneto che tramite la legge regionale aveva stabilito l’attribuzione degli attestati per le Botteghe Scuola, dando anche un contributo che peraltro mai è arrivato, e delle Botteghe scuola non si è più sentito niente», ricorda Quattrini, molto apprezzato anche all’estero dove ha ricevuto la “Laurea Honoris Causa Doctorate of Architecture” della Walker University del Nevada (Stati Uniti) «per i lavori svolti durante gli anni».

«Arrivato all’età di ottant’anni, mi chiesero se volevo fare una miniatura della Cantoria della chiesa di San Rocco di Venezia. Me lo chiese un amministratore locale che conosceva bene le mie capacita e la mia passione, essendo stato a sua volta un ragazzo a cui avevo insegnato il lavoro – ricorda Quattrini -. Così iniziai l’opera. L’unico riferimento che avevo era una foto d’epoca grande, ma senza misure di riferimento. Per disegnarla impiegai circa 400 ore e 2 anni per realizzare la miniatura in scala 1:10. ll risultato fu sorprendente, un’opera meravigliosa. Nella mia esperienza ho capito che i doni che riceviamo, talento, intelligenza, passione, devono essere messi a disposizione della comunità, anche se il più delle volte questo non viene capito».

L’opera fu apprezzata a Venezia, tanto che il comitato della Scuola Grande di San Rocco chiese di poterla esporre prima in Chiesa, nell’attesa della Cantoria originale restaurata, e poi messa in esposizione all’interno della scuola stessa. E il “Maestro Nonno Marcello” come si definisce il Commendator Quattrini, è iscritto nell’Albo dei Benemeriti della Scuola Grande di San Rocco, con la seguente motivazione: «Per aver concepito con particolare perizia e consumata professionalità, un modello ligneo della grande Cantoria della chiesa di San Rocco in Venezia e per aver in tal modo contribuito a far conoscere l’opera d’arte realizzata nel Settecento dal Proto Aloisio Fossati per incarico della Scuola Grande di San Rocco di Venezia».

«Con questo mio ultimo lavoro, credo di aver dato lustro anche ai tanti artigiani del comprensorio ceretano, anche se, dagli anni Novanta si è andato ad assottigliare il numero dei produttori che ancora credono nell’arte lignea, probabilmente perché non riconosciuta a livello remunerativo – conclude Quattrini -. Ma il nome della mia bottega resterà nella storia perché il modello della Cantoria è esposto in maniera permanente nel museo della Scuola». E lì, in quelle sale accanto alle opere del pittore Tintoretto, c’è anche Marcello Quattrini, noto artigiano veronese.

Condividi con:

Articoli Correlati

Soave, serata di poesia al parco Zanella

massimo

Roverchiara, distrutta dalle fiamme parte della “Cereal Docks Organic”

massimo

Politiche 2022, il Pd candida come capolista alla Camera l’uscente Alessia Rotta

massimo

Politiche 2022, oggi le “Parlamentarie” 5 Stelle sui candidati: esclusa la veronese Businarolo

massimo

Verona, al “Mura Festival” appuntamento con le degustazioni di Slow Food

massimo

Ciclismo, Biondani (Autozai Petrucci Contri) quarto a Ceneda di Vittorio Veneto

massimo