23.9 C
Verona
11 Agosto 2022
In evidenza Sport ultimaora

Ciclismo, al Giro del Veneto domina sempre la Euromobil Desiré Flor con Faresin maglia amaranto

Per il terzo giorno consecutivo la Zalf Euromobil Désirée Fior conserva le insegne del primato al 30° Giro del Veneto: dopo aver conquistato il successo nel cronoprologo di Padova che aveva consegnato nelle mani di Riccardo Verza la maglia amaranto, passata l’altro giorno a Cristian Rocchetta, ieri, 29 giugno, al termine della seconda tappa a Valeggio sul Mincio, è il vicentino Edoardo Francesco Faresin ad essersi impossessato del primo posto in classifica generale.
Tappa veloce, nervosa e molto combattuta quella andata in scena in una giornata caratterizzata dal grande caldo. I ragazzi diretti da Mauro Busato, Gianni Faresin e Filippo Rocchetti sono stati bravi a non farsi sorprendere controllando tutti gli attacchi di giornata e rilanciando l’azione nel finale con Edoardo Faresin e Federico Guzzo, che si sono inseriti nell’azione decisiva che ha visto 17 atleti giocarsi il tutto per tutto negli ultimi chilometri.
Sul traguardo Edoardo Francesco Faresin ha chiuso al quarto posto mentre Federico Guzzo è giunto ottavo. Per effetto di questo risultato Faresin ora guida la classifica generale con 5″ su Alessandro Iacchi, Giacomo Garavaglia e Riccardo Lucca. Federico Guzzo, invece, occupa l’undicesimo posto a 16″ dalla vetta.

Oggi, il 30° Giro del Veneto ripartirà con la Bassano del Grappa – Conegliano che prevede due passaggi sul Muro di Cà del Poggio.

 

 

Condividi con:

Articoli Correlati

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo

Trasporti, l’europarlamentare veronese Borchia (Lega) attacca sulle nuove restrizioni al traffico al Brennero

massimo