29.9 C
Verona
15 Luglio 2024
In evidenza Sport ultimaora

Ciclismo, Magnagnotti (Autozai Contri) secondo al Gran Premio Festa del Perdono

Secondo podio per Alessio Magagnotti (Autozai Contri), che sceglie una prova internazionale del calendario UCI Europa Tour per mettere in mostra tutto il suo talento dopo un avvio di stagione complicato. Al Gran Premio Festa del Perdono, gara di 119,6 km che ha attraversato le province di Milano, Lodi e Pavia, l’atleta trentino ha regolato in volata il vicecampione del mondo Paul Fietzke.
Vittoria per il danese Theodor Clemmensen (Team Grenke Auto Eder), che piazza l’allungo decisivo a 4 km dal traguardo chiudendo con 5” di vantaggio su Magagnotti e sul compagno di squadra. A 12” Tommaso Bosio (Ciclistica Trevigliese), protagonista insieme al terzetto sul podio della fuga a quattro nel finale di gara. In precedenza era stato un drappello di 17 atleti, con dentro anche Erazem Valjavec (6° a 45”), a prendere il largo prima del terzo e ultimo passaggio sulla salita Belfuggito.
Tra gli spettatori alla manifestazione organizzata dall’U.C. Sangiulianese presente anche il Ct della Nazionale Juniores Dino Salvoldi, che in vista delle prossime convocazioni con la maglia azzurra ha avuto ottime indicazioni proprio da Magagnotti.

«Prima del via non avevo sensazioni particolari a fine gara – ha detto Magagnotti -. Poi ho visto che sulle salite stavo bene e scollinavo sempre davanti, ho tenuto duro e sono uscito con quelli della Auto Eder. Abbiamo collaborato fino agli ultimi 15 km, ci sono stati scatti e controscatti e quando Clemmensen è partito l’ho seguito. Poi sono rientrati anche Bosio e Fietzke e l’Auto Eder ha sfruttato la superiorità numerica. Li ho tenuti tre o quattro attacchi, poi ho deciso di controllare il secondo posto e nel finale sono riuscito a trovare il colpo di reni per vincere la volata. Voglio ringraziare tutti i miei compagni di squadra e la società, che mi dà l’occasione di venire a misurarmi con atleti di altissimo livello in gare molto selettive come questa. Grazie anche al nostro sponsor Nicola Vighini che oggi è venuto a vederci, e soprattutto ad Erazem Valjavec. Prossimi obiettivi? Continuare a lavorare, correre le prove di Nations Cup e arrivare con la gamba buona alla seconda parte di stagione, quando ci saranno le gare che contano».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, donati dagli Alpini di Novaglie tapis roulant e cyclette al reparto Fibrosi cistica di Borgo Trento

massimo

Legnago, sul Salieri cala la scure dello spoil system Longhiano: una poltrona per Shahine?

massimo

San Bonifacio, Soave ha nominato la giunta: Turri è vicesindaco

massimo

Caso caporalato nel Basso Veronese, Mirandola (Uila): «Una macchia sulla produzione agricola veronese»

massimo

Caso di caporalato nella Bassa, la Cgil: «Caporali stranieri ma le aziende sono Veronesi»

massimo

Nuovo caso di caporalato nel Basso Veronese: 33 indiani sfruttati come schiavi nella campagne da due connazionali

massimo