7.7 C
Verona
22 Febbraio 2024
In evidenza Sport Sport ultimaora Verona provincia

Ciclismo, weekend internazionale per il Riboli con Valjavec sesto alla Parigi-Roubaix Juniores

Buone indicazioni per il Team Autozai Petrucci Contri in vista dell’atteso appuntamento di domenica 16 aprile col 1° Memorial Rebellin. Ancora una volta è Marco Martini a sfiorare il bersaglio grosso, questa volta sul traguardo di San Bellino, dove si è deciso il 69° Gp Martiri della Libertà, ma il podio resta tabù. Vittoria per la Borgo Molino Vigna Fiorita, con Matteo De Monte che allo sprint regola Leonardo Longagnani (Nordest Villadose Angelo Gomme) e Andrea Scarso (Borgo Molino Vigna Fiorita). Ottavo posto per Franco Cazzarò.

Domenica sesto posto di assoluto valore con la maglia della nazionale slovena per Erazem Valjavec alla Parigi-Roubaix Juniores, prestigiosa vetrina internazionale e prima prova di Coppa delle Nazioni, che si è disputata sui 111 chilometri tra Lecelles e il velodromo di Roubaix. Vittoria per Matys Grisel, che succede al lussemburghese Niels Michotte nell’albo d’oro della manifestazione: l’atleta francese della AG2R-Citroën-La Mondiale supera all’ultimo colpo di pedale il compagno di squadra Oscar Chamberlain e Theodor Storm (Danimarca), chiudendo in 2h36’07” alla media di 42,660 km/h. Per Valjavec, penalizzato da un guasto al cambio negli ultimi 50 km che gli ha impedito di giocarsi le sue chance di vittoria, un’altra prestazione di altissimo livello in una classica del Nord dopo il quindicesimo posto nella Kuurne-Bruxelles-Kuurne.

Team nella top ten anche al prestigioso appuntamento in programma sabato sulle colline a nord di Conegliano con la prima gara internazionale della stagione per la categoria juniores. 166 gli atleti al via del 12° Giro di Primavera-3° Memorial Paolo Sant, in rappresentanza di 29 squadre, di cui nove straniere, compresa la nazionale ungherese. Settimo posto per Marco Martini, arrrivato nel gruppo degli inseguitori che si è giocato il quarto posto.

«Chiudiamo con buoni piazzamenti una tre giorni di gare molto impegnativa, dove ancora una vota però ci è mancato qualcosa per fare il salto di qualità che stiamo cercando – così il tecnico Davide Bastianello – anche a San Bellino abbiamo tenuto bene la testa della gara con la Borgo Molino, nel finale siamo entrati per primi sull’ultima rotatoria e poi abbiamo commesso un errore: uno dei nostri si è sganciato, sono rimasti Martini e Cazzarò, che non sono riusciti a prendere la ruota giusta e sono stati anticipati. Abbiamo corso bene, con Francescon, Garbi e Zandonà che sono sempre stati davanti a tenere l’andatura e a rispondere ai vari tentativi di fuga. Purtroppo abbiamo sprecato un’altra ottima possibilità, sappiamo di essere competitivi e anche sabato nella prima gara internazionale della stagione siamo entrati nei dieci. I ragazzi si sono comportati bene nel circuito basso, poi il ritmo si è alzato e abbiamo preso un po’ indietro la salita, Marco è stato bravo a tenere sull’ultimo strappo, ha anche provato a rientrare ma alla fine ha avuto un piccolo problema meccanico e nella volata per il quarto posto è partito leggermente indietro. Torniamo da queste tre gare con ottime indicazioni, sia dal punto di vista tattico che atletico, abbiamo messo chilometri nelle gambe e sicuramente arriviamo in un buon momento di forma alla gara di domenica prossima, che per noi ha un significato molto particolare».

Condividi con:

Articoli Correlati

Alta formazione, Cristiano Perale confermato alla guida dell’Its Red Academy

massimo

Verona, Università e Istituto internazionale del marmo uniti per creare un centro di ricerca per valore i rifiuti della lavorazione del marmo

massimo

Sciopero generale venerdì di tutti i settori pubblici e privati deciso dai Cobas: garantiti i servizi essenziali

massimo

San Martino Buonalbergo, colpo da 50mila euro al “10e Lotto”

massimo

Formazione, sette consigli per scegliere al meglio la scuola di inglese per i propri figli

mirco

Come le città italiane si stanno attrezzando per agevolare il nomadismo digitale?

mirco