8.7 C
Verona
24 Gennaio 2022
Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

Colognola ai Colli, allarme alla Sammontana per una perdita di ammoniaca da un circuito di refrigerazione

Allarme alla Sammontana di Colognola ai Colli oggi, verso le 16,30, per una perdita di ammoniaca anidra da un circuito di refrigerazione. Sul posto sono subito intervenute due squadre dei Vigili del fuoco. A causa della rottura di una valvola in una parte di un impianto all’aperto, il gas refrigerante ha iniziato a fuoriuscire dal circuito e a spandersi nell’aria. Determinante è stato il pronto intervento dei tecnici dell’azienda, che hanno subito bloccato l’impianto, chiamato il 115 e fatto evacuare lo stabilimento che sorge in via Strà a Colognola ai Colli, lungo la strada regionale 11.

I pompieri sono intervenuti dal vicinissimo distaccamento di Caldiero e da Verona con la squadra provinciale NBCR: indossati gli autorespiratori i pompieri hanno provveduto ad abbattere con acqua nebulizzata i vapori della pericolosa sostanza fino allo svuotamento del tratto d’impianto lesionato. Sul posto sono intervenuti anche i sindaci di Colognola ai Colli, Giovanna Piubello, e di Caldiero, Marcello Lovato, unitamente a Carabinieri e Arpav per rilievi di competenza. La società Acque Veronesi sta anche controllando le acque bianche fuoriuscite dall’azienda per escludere un eventuale problema al depuratore.

Non si segnalano feriti, anche se prudenzialmente un operaio si è recato all’ospedale per controlli.

Condividi con:

Articoli Correlati

Calcio Serie C, il Legnago beffato al 94′ nel derby con la Virtus (1-1)

massimo

Calcio Serie C, il Legnago chiude il primo tempo in vantaggio di una rete grazie a Gomez

massimo

Verona, raffica di incidenti nella notte con feriti e vetture abbandonate

massimo

Lotta al Covid, il Veneto lancia una piattaforma web di servizi e informazioni sulla pandemia

massimo

Verona, Coldiretti consegna 100 pacchi alimentari a famiglie in difficoltà

massimo

Ca’ di David, due arresti per favoreggiamento della prostituzione con sequestro di un residence con 7 alloggi

massimo