22.9 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Concorso dei presepi, ecco i premiati dell’edizione 2015

Premiazione Presepi NoiVerona-19

Concorso “Presepe 2015”, premiati sabato 9 gennaio, in Loggia Fra’ Giocondo dal consigliere provinciale delegato alla cultura, Luca Zamperini, i vincitori del concorso “Presepe 2015”, iniziativa promossa dall’associazione “NOI Verona” con il patrocinio della Provincia.

Quest’anno, per la prima volta, il concorso presepistico si è svolto tramite un criterio a doppia competizione. Una gara, come di consuetudine, si è svolta con giuria popolare votante tramite un contest like in Facebook, che ha decretato i 3 presepi vincitori. La seconda gara, vera novità di quest’anno nata in collaborazione con la provincia di Verona, è stata invece valutata da una giuria selezionata, che ha premiato i 10 migliori presepi su un totale di 114.

Per quanto riguarda la prima sezione, il presepe vincitore è stato realizzato dalla scuola dell’Infanzia “don Ippolito” del circolo parrocchiale Noi “Casa Mia” di Azzano, che si è guadagnato il primo posto con 432 like, il secondo posto è stato invece raggiunto dalla composizione realizzata da Alessandro Dusi, di 8 anni, del circolo Noi “Sant’Anna” di Boschi Sant’Anna, mentre, al terzo posto troviamo il presepe di Manuel Princivalle del circolo Noi “Sant’Agostino” di Canove di Legnago. I vincitori hanno ricevuto una gift card di valore crescente.

I primi tre classificati della seconda sezione in gara sono stati Agnese Vancondio, di 7 anni, del circolo Noi Ss. Filippo e Giacomo di Bonavicina, Luciano Cristiani del circolo Noi Borgonuovo di Verona e Eros Pizzolo, di 5 anni, del circolo Noi Casa della Gioventù di Sanguinetto. Questi ultimi sono stati premiati con una “Pigotta Unicef”. I partecipanti che si sono guadagnati i posti dal 4° al 10° hanno ricevuto, invece, tre biglietti di ingresso alla 32ª Rassegna internazionale del presepio nell’arte e nella tradizione in corso di svolgimento negli arcovoli dell’Arena. A tutti i premiati delle due sezioni del concorso è stato consegnato un libro sul presepe e l’attestato di partecipazione al concorso.

«Ringrazio tutti coloro che hanno operato per la riuscita di questa iniziativa. Un mese e mezzo fa è nata l’idea che ha portato alla collaborazione tra la Provincia di Verona e l’associazione Noi Verona per il concorso presepi che, da ormai alcuni anni coinvolge numerosi circoli – ha detto il consigliere provinciale Zamperini -. Quest’anno, la premiazione per la prima volta si svolge in Loggia di Frà Giocondo, ed è con grande soddisfazione che la Provincia di Verona ha avviato questa bella collaborazione. Per noi credenti, infatti, il presepe è il simbolo del Natale ed è parte integrante della nostra tradizione. Molte famiglie lo realizzano ritrovandosi all’inizio di dicembre per prepararlo assieme, mentre altri, con più passione e tempo a disposizione, iniziano anche molti mesi prima per realizzare vere e proprie opere d’arte».

«Per l’associazione Noi, questa iniziativa, che conferisce importanza al presepio attraverso un piccolo concorso, è ormai tradizione consolidata. Noi realizziamo presepi per passione e soprattutto perché ci sentiamo in dovere di esaltare le radici della vita cristiana. Oltre alla mera rappresentazione della Natività, il presepe è diventato anche una realtà poetica e artistica, che tocca temi e valori moderni di fondamentale importanza – ha sottolineato il presidente di Noi Verona, Don Paolo Zuccari -. La bellezza del presepe costituisce dunque un richiamo di forte impatto sulla nostra vita di credenti. Ringrazio l’amministrazione provinciale per questa opportunità».

Condividi con:

Articoli Correlati

Rally, il legnaghese Strabello secondo in classe 4 al “Salsomaggiore Terme”

massimo

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo