22.3 C
Verona
15 Agosto 2022
In evidenza Politica Politica ultimaora Verona città

Continua lo spoil system di Tosi: ad Acque Veronesi arriva Niko Cordioli

cordiolin

Continua a Verona lo “spoil system” del sindaco Flavio Tosi che, dopo la rottura con la Lega Nord, sta ridisegnando il controllo dei vertici delle municipalizzate veronesi piazzando alle presidenze uomini di sua fiducia e, soprattutto, candidati nella sua lista Tosi alle ultime regionali. È così che ieri, lunedì 13 luglio, è stato eletto alla presidenza di Acque Veronesi il villafranchese Niko Cordioli, fino a maggio alla guida dell’Ater (Azienda territoriale edilizia residenziale) commissariata dalla regione (cioè da Zaia proprio sotto elezioni) con decreto del 12 maggio. Mariotti, a sua volta (anche lui candidato con Tosi), è già diventato dalla scorsa settimana vicepresidente di “Verona Mercato” (presidente è l’altro Tosiano Gianni Dalla Bernardina), la società che gestisce il mercato ortofrutticolo di Verona. Una girandola di nomine che ha visto Ivan Castelletti, ex assessore provinciale di Dolcè, passata dalla Lega a Tosi, diventare il 29 aprile presidente di Agec onoranze funebri; Fabio Venturi, fedelissimo del sindaco e alla guida della sua Fondazione Ricostruiamo il Paese, diventare a fine giugno presidente della potentissima Agsm (la municipalizzata della luce e del gas) dove prima di lui sedeva il segretario provinciale del Carroccio, Paolo Paternoster.

L’Assemblea dei soci di Acque Veronesi che ha eletto il nuovo consiglio di amministrazione che guiderà la società consortile per i prossimi 3 anni ha visto nominare Niko Cordioli, presidente, Domenico Dal Cero, vicepresidente e Paola Briani, consigliere. Nella stessa seduta sono stati inoltre nominati i componenti del collegio sindacale: Cristiano Maccagnani (presidente), Alberto Mion e Giovanna Rebbonato. L’assemblea ha anche approvato il bilancio 2014 della società, presentato dal presidente uscente Mariotti: «Abbiamo investito oltre 15 milioni di euro sia a Verona che in provincia, riuscendo a risolvere criticità che si trascinavano da anni. Un bilancio all’insegna dell’efficienza, della razionalizzazione, dell’ottimizzazione delle risorse, degli investimenti e di importanti progetti per il futuro, chiuso con un utile pari a 1.100.173 euro».

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo