9.1 C
Verona
3 Dicembre 2022
ultimaora

Coronavirus, Borchia (Lega): «Commissione Europea riconosca epidemia come calamità naturale»

«Con una catastrofe economicamente dietro l’angolo, chiedere la flessibilità all’Europa non è sufficiente: servono interventi finanziari diretti per tamponare le difficoltà delle aziende del Nord, da cui deriva il 40% del Pil italiano». L’ha sollecitato oggi l’europarlamentare della Lega, il veronese Paolo Borchia, a margine della presentazione di un’interrogazione alla Commissione europea. «In attesa dei dati definitivi su danni subiti dall’economia veneta ho chiesto alla Commissione europea di includere l’epidemia del Covid-19 tra le catastrofi naturali, così come è previsto nel regolamento europeo. Una definizione che è legalmente vincolante per rendere possibile l’erogazione del Fondo di Solidarietà – ha chiarito Borchia -. Con una flessione del PiL del Veneto stimata ad un probabile 10%”, conclude Borchia -. Mi auguro che la Commissione non ricorra a tecnicismi e garantisca alle Regioni colpite dall’epidemia la tutela a cui hanno legalmente diritto secondo gli strumenti normativi già in vigore».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo

Tragedia nel ciclismo: Davide Rebellin travolto e ucciso da un Tir mentre si allena in bicicletta

massimo