6.3 C
Verona
29 Novembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Coronavirus, decalogo di Apindustria alle aziende per essere pronte a garantire continuità produttiva e salute dei lavoratori

Apindustria Confimi Verona, in aggiunta alle regole fornite dal Ministero della Salute, ha fornito alle aziende una serie di indicazioni operative specifiche per affrontare senza allarmismi l’emergenza nei prossimi giorni. L’allarme dovuto al nuovo Coronavirus Covid-19 deve trovare le aziende preparate per garantire la continuità produttiva e tutelare al contempo la salute dei lavoratori. Per questo Apindustria ha predisposto il presente decalogo:

Astensione dal lavoro per tutti coloro che presentano sintomi influenzali e respiratori.

Evitare / limitare momenti di aggregazione in azienda sostituendoli con attività online; è opportuno anche rimandare eventuali corsi di formazione.

Evitare assembramenti nei locali mensa prevedendone turnazione nell’utilizzo, previa disinfezione delle superfici.

Incrementare l’attività di pulizia delle superfici utilizzando prodotti a base di cloro o alcol.

Favorire ricambio d’aria negli ambienti aprendo periodicamente le finestre.

Censire attentamente l’ingresso in azienda di soggetti potenzialmente a rischio (fornitori, clienti, consulenti etc.).

Evitare trasferte in località a rischio in Italia e all’estero segnalate sul sito del Ministero della Sanità.

Non far rientrare in azienda per 14 giorni i lavoratori trasfertisti che rientrano da località a rischio.

Effettuare comunque una ricognizione del piano trasferte delle varie unità aziendali, sia per i viaggi di lavoro verso clienti sia per le visite in altre sedi aziendali. Gli spostamenti dovranno essere ridotti al minimo indispensabile.

Mappare tutto il personale diretto e indiretto per sapere in che zona risiede e il numero di cellulare per poterlo contattare.

Favorire lo smart working per tutti i lavoratori per cui ciò è possibile.

Provvedere ad aggiornare il Dvr, il Documento di valutazione dei rischi, per la parte relativa al rischio biologico e, se ritenuto opportuno, formare un gruppo di “Crisis Management” (che deve prevedere anche la presenza del medico competente aziendale) che possa fungere da riferimento per tutti i dipendenti.

Condividi con:

Articoli Correlati

Cologna Veneta, vinto un premio da 20 mila euro al 10eLotto

massimo

Verona, sette persone all’ospedale, di cui 4 gravi, per un incidente tra più auto

massimo

Bovolone, 86enne investito da un’auto: è gravissimo

massimo

Verona, grazie ad Adiconsum recupera 4500 euro sottrattigli con una truffa bancaria via sms

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Nogara, al Teatro Comunale in scena “Come respirare. Storie di ordinaria violenza” sul tema della violenza di genere

massimo