15.8 C
Verona
20 Settembre 2021
Cronaca In evidenza ultimaora

Coronavirus, il consigliere regionale Valdegamberi: «Creare subito aree Covid free dove riaprire le attività»

«Per salvare le attività economiche, almeno in parte, dobbiamo pensare a creare delle “Aree Covid Free”, coniugando sicurezza sanitaria ed economia. Come? Utilizzando i tamponi rapidi antigenici».

Lo suggerisce oggi il consigliere regionale del Veneto, Stefano Valdegamberi: «Ci sono aziende come Aquardens Spa, le Terme di Verona, che si sono organizzate per i tamponi rapidi antigenici in drive-in, all’aperto sul piazzale. Già da un mese stanno facendo screening alla ricerca dei negativi/positivi. Guardando ai prossimi mesi sarebbe opportuno permettere che le aziende rimangano totalmente aperte, previo tampone rapido antigenico all’ingresso. Non ha senso impedire l’esercizio dell’attività commerciale e del turismo quando la totalità dei fruitori e degli operatori è priva di rischio Covid».

«Tutte quelle aziende che sapranno organizzarsi con tampone rapido antigenico, in formula Drive-In all’ingresso, fatto da personale medico ed infermieristico, potranno far entrare nelle proprie strutture i clienti risultati negativi, e le strutture potranno, quindi, essere completamente aperte senza restrizioni – chiede Valdegamberi -. Sarà per molte attività una rinascita economica, in attesa dei vaccini dovranno attendere ancora 6-12 mesi. Diversamente non ce la faranno e nemmeno ce la farà il Paese ad assisterle con conseguente fallimento. L’iniziativa può essere allargata anche ad altre attività o ambiti circoscritti, come le Fiere e ai Parchi tematici».

«Aquardens è pronta per proporre un progetto pilota da sottoporre alla valutazione delle autorità regionali – afferma Valdegamberi -. Costo tampone, personale medico e struttura drive-in saranno a totale carico dell’azienda, in cambio della completa apertura».

Di questo progetto ne hanno parlato oggi il consigliere regionale Stefano Valdegamberi e l’amministratore delegato di Aquardens Flavio Zuliani, che si è dichiarato subito pronto per una sperimentazione. Mentre Valdegamberi ha annunciato che trasformerà questa proposta in una mozione alla giunta regionale.

Condividi con:

Articoli Correlati

Gazzo Veronese, vertenza con sciopero alla Piva Group per il rinnovo del premio di risultato

massimo

Marano di Valpolicella, ultrasettantenne urta due auto e si capotta: due feriti

massimo

Bollo auto, la Regione ricorda che il 30 settembre scade la proroga per pagarlo

massimo

Bovolone, domani arriva Civati a sostenere il candidato della civica “Bovolone Nostra”

massimo

Colognola ai Colli, pompieri a lavoro nella notte per arginare la perdita di vetro fuso da un forno

massimo

Mozzecane, finisce fuori strada e si ribalta nella notte con l’auto: è grave

massimo