22.9 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Covid, i sindacati dei pensionati veronesi: «L’Ulss 9 dica dove, come e quando ci vaccinerà»

«Tutti i giorni veniamo bombardati da migliaia di notizie e informazioni sulla pandemia e sui vaccini. Spesso però, più che chiarire, qiesta quantità di informazioni non è in grado di rispondere alle più semplici delle domande che tutti i cittadini si pongono: quando, dove e come mi potrò vaccinare?».

È l’interrogativo che i sindacati veronesi dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uil Pensionati hanno girato oggi a Regione e Ulss 9. «A questa semplice richiesta di informazione la Regione Veneto e l’azienda Sanitaria 9 Scaligera non stanno rispondendo – dicono i sindacati -. Tanti cittadini stanno vivendo questo lunghissimo periodo pandemico con grande difficoltà, preoccupazione ed ansia sia dal punto di vista sanitario che economico-sociale. A questo deve rispondere l’informazione dell’azienda Sanitaria Scaligera, utilizzando le lettere a domicilio e la comunicazione attraverso i mezzi di informazione di massa. Riteniamo che, una volta vaccinate le professioni più a rischio (personale sanitario, operatori socio sanitari, personale delle pulizie e delle mense degli ospedali e delle case di riposo), Regione e Ulss 9 debbano dare massima priorità e immediata attuazione alle vaccinazioni riguardanti anziani non autosufficienti, anziani fragili e a chi presta loro assistenza siano esse badanti o familiari, che spesso sono il loro unico sostegno; pazienti disabili e quelli affetti da patologie croniche o malattie rare».

«Per moltissimi di questi pazienti e per i loro caregiver/famigliari è necessario organizzare la vaccinazione a domicilio, fornendo ai medici di famiglia la possibilità di individuare i loro pazienti più rischio e di garantire ad essi le dosi di vaccino necessarie – concludono i sindacati -. Chiediamo, inoltre, che vengano attivati i centri vaccinali di prossimità in centri sportivi, centri anziani presenti nei quartieri, palestre pubbliche e private, teatri, cinema, caserme, mettendoli in rete con quella degli enti locali. In sostanza chiediamo di facilitare, velocizzare la vaccinazione di tutta la popolazione, con priorità a quella più a rischio».

Condividi con:

Articoli Correlati

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo

Trasporti, l’europarlamentare veronese Borchia (Lega) attacca sulle nuove restrizioni al traffico al Brennero

massimo