22.1 C
Verona
16 Luglio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Covid, ipotesi zona rossa in Veneto da lunedì: si attende la decisione del Governo

È stato lo stesso presidente della Regione, Luca Zaia, ad annunciare oggi in videoconferenza stampa l’ipotesi che il Veneto passi in zona rossa da lunedì 15 marzo. E sembra sempre più concreta anche l’ipotesi di un lockdown nazionale dal 3 al 5 aprile, misura che dovrebbe essere rivelata dal nuovo Dpcm atteso per questo pomeriggio

Giornata importante, quindi sull’emergenza Coronavirus, con il cambio di colore delle regioni che vedrebbe il Veneto in rosso, così come il Friuli Venezia Giulia, da lunedì. Questo significa restrizioni e soprattutto didattica a distanza per tutti gli studenti, compresi quello delle scuole elementari.

«È innegabile che il contagio stia crescendo – ha affermato Zaua -, da un anno seguiamo questa partita per evitare di mandare al collasso gli ospedali. La situazione italiana è di un Rt di 1,16 nazionale, noi siamo a 1,28, sul filo del rasoio, e attendiamo la comunicazione ufficiale ma molte regioni passeranno in rosso, e noi dovremmo essere fra queste. In tutto questo contesto il dato positivo è che il vaccino Johnson & Johnson oggi verrà autorizzato dall’Aifa, in modo da poter procedere con le somministrazioni. Sulle terapie intensive e ricoveri siamo al 14% e in area non critica al 17% in Veneto, non abbiamo quella pressione ospedaliera che ci faccia dire “non ce la facciamo più”, ma l’attenzione è altissima».

«Se passassimo in rosso – ha spiegato Zaia – ci staremo per 2 o 3 settimane, ed ho l’impressione che durerà fino a Pasqua. Negozi, bar e ristoranti saranno chiusi, con consentito l’asporto. Le scuole chiuse. Ma occorre aspettare il Dpcm per capire esattamente cosa accadrà».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, donati dagli Alpini di Novaglie tapis roulant e cyclette al reparto Fibrosi cistica di Borgo Trento

massimo

Legnago, sul Salieri cala la scure dello spoil system Longhiano: una poltrona per Shahine?

massimo

San Bonifacio, Soave ha nominato la giunta: Turri è vicesindaco

massimo

Caso caporalato nel Basso Veronese, Mirandola (Uila): «Una macchia sulla produzione agricola veronese»

massimo

Caso di caporalato nella Bassa, la Cgil: «Caporali stranieri ma le aziende sono Veronesi»

massimo

Nuovo caso di caporalato nel Basso Veronese: 33 indiani sfruttati come schiavi nella campagne da due connazionali

massimo