-2.2 C
Verona
16 Gennaio 2021
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

[VIDEO] Criminalità nigeriana, aveva base a Verona la banda che riforniva di droga Trento

Aveva base a Verona, in un negozio etnico di via XX Settembre, l’organizzazione criminale nigeriana, guidata da una donna, dedita al traffico di sostanze stupefacenti che riforniva di eroina e cocaina Trento. A sgominare la banda la Squadra mobile della Questura di Trento, coordinata dalla locale Procura, che da questa mattina ha eseguito 16 arresti e 20 perquisizioni tra Trentino, Veneto e Lombardia. I pusher arrivavano da Verona in treno a Trento, anche dieci al giorno, e lì iniziavano lo spaccio che poteva fruttare loro anche 2500 euro in un giorno. Parte del soldi veniva versato in una cassa comune che serviva per l’assistenza agli arrestati.

L’operazione chiamata “Underground”, che ha portato anche al sequestro di mezzo chilo di stupefacente tra cocaina ed eroina, ha evidenziato come al vertice dell’organizzazione vi fosse una donna nigeriana, Agho Isoken Tina, detta Mamma T, che insieme al figlio e alla cognata, suoi sodali, secondo gli inquirenti gestiva il traffico.

«Abbiamo sempre avuto a che fare con persone poco collaborative, che non hanno mai voluto rivelare nulla. Prevalentemente richiedenti asilo, in condizioni di estrema debolezza, che piuttosto che essere scoperti o dover rendere conto ai capi, arrivavano ad ingerire le dosi, rischiando la propria vita», ha spiegato il capo della Squadra mobile di Trento, Tommaso Niglio.

Un’organizzazione, secondo gli inquirenti, di tipo piramidale: a Verona è stata individuata la base, in un negozio di prodotti etnici nigeriani in via XX settembre, e lì si prendevano le decisioni e si assegnavano di pusher le diverse zone di Trento. A Vicenza, invece, avveniva lo stoccaggio dello stupefacente. Secondo quanto emerso dalle indagini, la banda reinvestiva nel traffico di droga i proventi derivanti dallo sfruttamento della prostituzione alla quale erano dedite giovani nigeriane.

Il procuratore capo di Trento, Sandro Raimondi, nel descrivere i dettagli dell’operazione, ha spiegato: «Piazza Dante è uno dei gangli per traffici che partono dal Veneto e dalla Lombardia. Abbiamo rilevato un’arroganza di fondo e un atteggiamento di sfida nei confronti delle forze dell’ordine. Gli episodi di autolesionismo, come l’ingestione di stupefacenti o, come in un caso, il tentativo di gettarsi dalla finestra dell’ospedale durante i controlli sanitari, è un segnale allarmane della pericolosità sociale di queste persone che denotano l’inserimento nell’associazione a delinquere e la pressione delle forti minacce subite dai pusher».

Articoli Correlati

Calcio Serie C, domani il Legnago affronta la Fermana in trasferta

massimo

Monte Baldo, tre escursionisti salvati nella notte dal Soccorso alpino

massimo

Legnago, il mercato cittadino torna ad operare al completo con gli steward

massimo

Verona, lutto nel mondo dell’auto: scomparso Paolo Vicentini

massimo

Verona, 15 enne aggredito da baby gang per rubargli la bici e la giacca

massimo

Legnago, la maggioranza del sindaco Lorenzetti perde un altro consigliere: si è dimesso Crivellente

massimo