17.4 C
Verona
21 Maggio 2024
Basso Veronese Economia Economia In evidenza ultimaora

Crisi energetica, le Fonderie Zanardi di Minerbe chiudono per una settimana: 70 dipendenti su 255 in ferie

Le Fonderie Zanardi di Minerbe chiudono l’attività per una settimana a causa della guerra in Ucraina, che ha fatto ulteriormente schizzare i costi della bolletta energetica e bloccato le forniture di materie prime come Ghisa in pani e rottami ferrosi. Messi in ferie i 70 dipendenti (su 255 totali) addetti ai forni.

«Non abbiamo scelta, da ieri, lunedì 7 marzo, per una settimana sospendiamo l’attività della Fonderia nella speranza che la situazione ritorni ad una accettabile normalità o che il Governo e l’Europa riescano a compiere il miracolo di abbassare i corsi di energia elettrica e gas – spiega Fabio Zanardi, alla guida del gruppo industriale di famiglia, fondato nel 1931 -. Abbiamo messo in ferie i 70 dipendenti addetti ai forni per questa settimana perché con gli ultimi aumenti dell’energia era impensabile che i clienti potessero assorbile il conseguente aunenti dei nostri prezzi. Già prima dello scoppio della guerra in Ucraina i valori erano schizzati, con una bolletta annua che per noi che siamo un’aziena energivora, era passata da 4 a 12 milioni di euro. Questo aveva già portato a degli aumenti da parte nostra, ma che con aiuti dal Governo e contenimento ulteriore di costi da parte nostra eravamo riusciti a contenere. Adesso, lo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina ha fatto saltare tutto, con aumenti dell’energia fuori controllo che porterebbero la bolletta della Zanardi per il 2022 a 15/17 milioni di euro a fronte di un fatturato di 40 milioni. È una situazione insostenibile».

Una crisi energetica su cui da tempo si è aperto un tavolo tra Governo e gruppo aziende energivore di Confindustria. «Il Governo è intervenuto con dei sostegni prima dello scoppio della guerra in Ucraina – ricorda Zanardi -. Ma è chiaro che oggi quell’emergenza è andata ben oltre, Alllora come Confidustria era stata chiesta un riduzione delle bollette alle imprese energivore in particolare attraverso la destinazione dell’energia elettrica da rinnovabili a tariffe ridotte a queste imprese. Ora serve un intervento strutturale, che secondo me può arrivare solo dall’Europa attraverso nuovi canali di approvvigionamento. Servirà tempo però e quindi nell’immediato servono nuovi aiuti, altrimenti non potremmo riaccendere i forni».

Condividi con:

Articoli Correlati

Maltempo, Soave conta i danni con oltre 170 abitazioni allagate fino al piano terra, una cantina devastata e 11 frane

massimo

San Pietro di Morubio, un morto nel ribaltamento di un’auto

massimo

San Bonifacio e Soave, attenti a finti tecnici di Acque Veronesi

massimo

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) secondo tra i giovani in Nations Cup

massimo

Meteo, nuova allerta in tutto il Veneto per forti piogge. “Rossa” nel Basso Veronese

massimo

Sanità, inaugurato l’Ospedale di Comunità all’interno del Sacro Cuore di Negrar

massimo