0.3 C
Verona
3 Febbraio 2023
Cronaca In evidenza ultimaora

D’Arienzo (Pd): «Anche la Camera del Commercio di Verona concede gratis l’atrio per il congresso “omofobo” sulla famiglia»

«La Camera di Commercio di Verona ha concesso gratis l’ampio spazio dell’atrio appena ristrutturato per ospitare l’evento “fashion show” che si terrà il 28 marzo e che rientra nel congresso “omofobo” sulla famiglia coorganizzato dal Comune di Verona. Una decisione inaccettabile».

Lo rivela Vincenzo D’Arienzo, senatore del Pd che aggiunge altra benzina alle polemiche che da giorni si stanno scatenando in tutta la città sul Congresso mondiale delle Famiglie in programma a fine marzo a Verona.

«Perché la casa delle imprese veronesi concede gratuitamente uno spazio importante a quel raggruppamento di omofobi? – si chiede D’Arienzo -. In questo modo, condivide il messaggio oscurantista di quel falso convegno sulla famiglia che si terrà il 29, 30 e 31 marzo a Verona?».

«Come può un ente pubblico concedere gratuitamente uno spazio al World Congress of Families (WCF) che non è altro che un raduno di promotori della subordinazione della donna all’uomo e della compressione dell’autodeterminazione femminile? Con la scusa della difesa della famiglia – prosegue D’Arienzo – a Verona arriveranno associazioni e gruppi (anche stranieri) che si distinguono per i messaggi gravemente omofobi e di sostegno a leggi liberticide e miranti alla repressione penale dell’omosessualità, oltre che alla limitazione dell’autodeterminazione in materia affettiva e familiare».

«Al Fashion show nella Camera di Commercio si esibirà il russo Dmitri Smirnov, presidente della Commissione patriarcale per la famiglia e la maternità? O la ministra per la famiglia del governo ungherese, Katalin Novak? Chissà, forse il presidente moldavo Igor Dodon, che ha spesso espresso posizioni omofobe o Theresa Okafor, un’attivista nigeriana che nel 2014 ha proposto una legge che criminalizza le unioni tra persone dello stesso sesso, oppure Lucy Akello, ministro ombra per lo sviluppo sociale in Uganda, che nel 2017 ha presentato al parlamento ugandese una legge contro le coppie omosessuali, già proposta nel 2014, che prevedeva originariamente la pena di morte per ‘omosessualità aggravata?. Soggetti di cui Verona, città aperta ed europea, potrebbe fare volentieri a meno -, conclude il senatore Pd -. La Camera di Commercio cancelli la gratuità dell’evento – chiede fermamente D’Arienzo – a maggior ragione dopo che la Presidenza del Consiglio ha tolto il patrocinio e considerato il carattere omofobo e razzista di quel pseudo convegno sulla famiglia».

Condividi con:

Articoli Correlati

Ferrara del Monte Baldo, disperso in Vajo dell’Orsa recuperato ieri sera a tarda ora dai Vigili del fuoco

massimo

Borchia (segretario provinciale Lega): «Approvato il decreto sull’Autonomia. Giornata storica»

massimo

Pallavolo, da domenica al Palaferroli di S. Bonifacio l’Unione Volley si gioca il campionato in sette gare

massimo

Scuola&Formazione, boom di partecipanti a “Orientiamoci insieme” della Camera di Commercio di Verona

massimo

Terrazzo, dalla Regione 4 milioni per ridurre il rischio idrogeologico su due sponde dell’Adige

massimo

Verona, sette incidenti stradali in 24 ore tra guida in stato di ebrezza e due pedoni investiti

massimo