22.1 C
Verona
16 Luglio 2024
Economia Economia In evidenza ultimaora Valpolicella

“Donne del Vino”, Alessandra Boscaini nuova delegata per il Veneto

alessandra_boscaini_WEB

Alessandra Boscaini, responsabile vendite di “Masi Agricola”, è la nuova delegata regionale dell’associazione “Le Donne del Vino” per il Veneto. Alessandra, che rappresenta la settima generazione della maison vitivinicola veronese, succede alla collega Nadia Zenato, vice presidente dell’associazione.

«Sono orgogliosa di poter contribuire al dialogo tra le donne del vino, siano esse professioniste del settore o appassionate – commenta Alessandra -. Ritengo che tra gli obiettivi da porsi a livello associativo ci sia la creazione di sinergie con strutture analoghe a livello internazionale: penso a “Vinissima”, che in Germania conta 500 rappresentanti, alla svizzera “Dames de Hautecour”, alla francese “Les Alienor du Vin de Bordeaux”, a “Women of the Wine” in Grecia e a New York, solo per citarne alcune. È fondamentale poi il dialogo con le tante professioniste del settore di tutto il mondo, dalle giornaliste alle master of wine, dalle sommelier alle ristoratrici alle blogger: certamente il punto di vista femminile, soprattutto se unisce professionalità ed esperienze culturali diverse, può dare un importante contributo all’enologia internazionale».

L’ufficializzazione della nomina di Alessandra Boscaini avverrà martedì 12 aprile alle 12 nel corso dell’incontro delle “Donne del vino” nello stand della Regione Veneto a Vinitaly. Si uniranno al brindisi la presidente di “Vinissima”, Andrea Wirsching, e la presidente dell’associazione, Donatella Cinelli Colombini.

L’associazione “Le Donne del Vino”, nata nel 1988 dall’intuizione della produttrice toscana Elisabetta Tognana, conta oggi 650 iscritte ed è la più rappresentativa compagine femminile dell’enologia italiana.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, donati dagli Alpini di Novaglie tapis roulant e cyclette al reparto Fibrosi cistica di Borgo Trento

massimo

Legnago, sul Salieri cala la scure dello spoil system Longhiano: una poltrona per Shahine?

massimo

San Bonifacio, Soave ha nominato la giunta: Turri è vicesindaco

massimo

Caso caporalato nel Basso Veronese, Mirandola (Uila): «Una macchia sulla produzione agricola veronese»

massimo

Caso di caporalato nella Bassa, la Cgil: «Caporali stranieri ma le aziende sono Veronesi»

massimo

Nuovo caso di caporalato nel Basso Veronese: 33 indiani sfruttati come schiavi nella campagne da due connazionali

massimo