27.5 C
Verona
16 Luglio 2024
In evidenza Politica Politica ultimaora Verona città

Dopo le Regionali a Verona Tosi caccia dalla giunta il leghista Corsi

zaia-corsi

La Lega Nord “espulsa” dalla giunta Tosi. Subito, lunedì 1° giugno, con la decisione del sindaco Flavio Tosi di togliere le deleghe all’assessore Enrico Corsi, la Lega Nord non fa più parte della maggioranza a Verona. È partito, quindi, il regolamento dei conti tra Tosiani e Zaiani che ha il suo apicentro a Verona.

«L’ “epurazione” di corsi dalla giunta Tosi non consente più alla Lega Nord di condividere le scelte amministrative della giunta, di cui per volontà del sindaco Tosi non facciamo più parte – sottolinea il segretario provinciale del Carroccio, Paolo Paternoster -. Viviamo con profondo rammarico l’esclusione di Enrico Corsi dalla giunta. L’assessore Corsi, in questi 8 anni, ha sempre lavorato con impegno e correttezza al servizio dell’amministrazione Tosi. Eletto nella lista della Lega Nord ha deciso per coerenza di non tradire il mandato ricevuto dai cittadini e restare nel Movimento politico a cui appartiene da più di vent’anni. Aver punito la sua candidatura alle Regionali è stato un gesto ingiusto e ingeneroso, che certamente non meritava. Mai una volta, infatti, Corsi ha fatto mancare il suo apporto e il suo sostegno al sindaco o all’amministrazione».

«La Lega Nord, nonostante le recenti vicende, intendeva continuare a portare avanti il suo sostegno e il suo contributo a servizio dell’amministrazione Tosi – conclude Il segretario cittadino del Carroccio, Paolo Tosato -. Senza responsabilità di governo all’interno della giunta non ci è più possibile farlo, per espressa volontà del sindaco. D’ora in avanti la Lega Nord, si sentirà libera di sostenere od opporsi alle iniziative della giunta nel solo e unico interesse della comunità veronese».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, donati dagli Alpini di Novaglie tapis roulant e cyclette al reparto Fibrosi cistica di Borgo Trento

massimo

Legnago, sul Salieri cala la scure dello spoil system Longhiano: una poltrona per Shahine?

massimo

San Bonifacio, Soave ha nominato la giunta: Turri è vicesindaco

massimo

Caso caporalato nel Basso Veronese, Mirandola (Uila): «Una macchia sulla produzione agricola veronese»

massimo

Caso di caporalato nella Bassa, la Cgil: «Caporali stranieri ma le aziende sono Veronesi»

massimo

Nuovo caso di caporalato nel Basso Veronese: 33 indiani sfruttati come schiavi nella campagne da due connazionali

massimo