24.3 C
Verona
20 Maggio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Due greci sessantenni bloccati ad Affi con 5 chili di cocaina dalla Guardia di Finanza

guardiafinanza05

Avevano nascosto nell’auto 5 chili di cocaina ma non sono riusciti a passare i controlli della Guardia di Finanza di Verona. Venerdì 30 dicembre i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Verona, in collaborazione con una pattuglia della Polizia Stradale, hanno sottoposto a controllo sull’autostrada A22 nei pressi di Affi in direzione sud, tra le altre, un’autovettura straniera con a bordo due 60enni di nazionalità greca.

L’intuito dei finanzieri, rafforzato anche dal successivo atteggiamento degli occupanti, ha trovato conferma al momento della verifica del mezzo che, dopo un’accurata perquisizione, ha rivelato la presenza di due doppifondi costruiti ad hoc sotto i sedili anteriori, al cui interno sono stati rinvenuti quattro “panetti” di cocaina. Il peso complessivo dello stupefacente, perfettamente confezionato sotto vuoto, ammonta a circa 5 chilogrammi.

Le manette sono scattate per i due ellenici, risultati essere fratelli, residenti in Germania, che nella stessa giornata sono stati associati presso la Casa Circondariale di “Montorio”, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, la quale nella giornata odierna ha convalidato l’arresto, disponendo la custodia cautelare in carcere.

La droga sequestrata se immessa sulla piazza scaligera in relazione agli attuali “prezzi di mercato” di una “busta di coca”, avrebbe fruttato circa 1.500.000 di euro.

Condividi con:

Articoli Correlati

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) secondo tra i giovani in Nations Cup

massimo

Meteo, nuova allerta in tutto il Veneto per forti piogge. “Rossa” nel Basso Veronese

massimo

Sanità, inaugurato l’Ospedale di Comunità all’interno del Sacro Cuore di Negrar

massimo

Ciclismo, Remelli (Autozai Contri) secondo nel Novarese

massimo

Bussolengo, il tour sulla sicurezza nella scuola della Regione arriva all’istituto Marie Curie

massimo

Verona, incontro sul tema della diffamazione online

massimo