4.4 C
Verona
27 Novembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Emergenza Coronavirus, al “Sacro Cuore” di Negrar due tende di prefiltraggio ed esami dei tamponi per tutta l’Ulss 9

La Regione Veneto ha disposto che i test microbiologici per la ricerca diretta di Coronavirus (SARS-CoV-2) sui tamponi svolti dagli ospedali dell’Ulss 9 Scaligera, ad eccezione dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata, saranno effettuati dal Laboratorio di Microbiologia dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico dell’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar che rientra così tra le sette strutture della rete ospedaliera veneta qualificate ad eseguire questo esame.

Il Sacro Cuore Don Calabria è un ospedale privato, no profit, accreditato dalla Regione Veneto la cui attività è inserita nel piano socio-santario regionale. In quanto tale è totalmente allineato alle disposizioni regionali e ministeriali in materia di Coronavirus. Per l’emergenza epidemiologica da nuovo Coronavirus il “Sacro Cuore Don Calabria” ha messo a disposizione della Regione in caso di necessità 2 posti di terapia intensiva e altri 4 saranno predisposti nei prossimi giorni. Attualmente nel Dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali sono in isolamento due persone affette da CoVD-19, un uomo e una donna di circa 60 anni. Un altro è in attesa dei risultati del test. Tutti e tre provengono da fuori provincia. Inoltre, dalle 14 di oggi all’ospedale Sacro Cuore Don Calabria sono entrare in funzione le due tensostrutture allestite dalla Protezione Civile per garantire un percorso separato ai pazienti con sindrome influenzale che si rivolgono al Pronto Soccorso. Le tende sono riscaldate, dotate di luce, linea telefonica e postazione PC.

Una delle tende ha funzione pre-triage. Sulla porta del Pronto Soccorso è stato collocato un cartello informativo in cui è raccomandato a chiunque presenti febbre, tosse o sintomi respiratori di non entrare ma di recarsi nella tenda collocata di fronte al PS. Qui un infermiere svolge il triage prendendo in carico il paziente per gli accertamenti previsti per l’infezione CoVID-19: visita, esami del sangue e rx torace che sono effettuati in un ambulatorio adiacente al PS, ma lontano dalla sala di attesa e dagli ambulatori del Servizio. In attesa dei referti i pazienti sono fatti accomodare nella seconda tenda.

Condividi con:

Articoli Correlati

Bovolone, 86enne investito da un’auto: è gravissimo

massimo

Verona, grazie ad Adiconsum recupera 4500 euro sottrattigli con una truffa bancaria via sms

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Nogara, al Teatro Comunale in scena “Come respirare. Storie di ordinaria violenza” sul tema della violenza di genere

massimo

Verona, ATV a Job&Orienta per cercare nuovi autisti tra i giovani

massimo

Verona, domani apre “Jo&Orienta” con 400 tra scuole, università, agenzie del lavoro e realtà come Acque Veronesi

massimo