8 C
Verona
7 Dicembre 2022
Economia In evidenza ultimaora

Emergenza Coronavirus, Cgil, Cisl e Uil: «Serve un’unica cabina di regia anche per affrontare le conseguenze economiche»

Nel corso dell’incontro promosso dalla Regione Veneto nella sede della Protezione Civile di Marghera, Cgil, Cisl e Uil hanno ribadito tutta la disponibilità del sindacato a collaborare con le istituzioni locali e nazionali per contenere la diffusione del contagio sul nostro territorio del Coronavirus.

«Come Cgil Cisl e Uil abbiamo sottolineato – dichiara Christian Ferrari, segretario generale Cgil Veneto – la necessità di rinforzare i presidi sanitari, che stanno svolgendo un lavoro straordinario. Come sostenuto anche dal presidente Zaia, è grazie a questo impegno che sono stati individuati i focolai nella nostra Regione, con i casi di contagio che sono superiori agli altri Paesi europei proprio perché in Italia i controlli sono stati condotti in numero imparagonabile rispetto agli altri sistemi sanitari. A tutti i lavoratori pubblici, e in particolare agli operatori sanitari, va garantita ogni forma di tutela e di sicurezza».

«È poi necessario – prosegue Ferrari – un coordinamento, ad opera dei Prefetti, per tutti gli uffici pubblici in modo da regolamentare aperture e accesso ai cittadini in maniera univoca. Se nelle prime ore dell’emergenza sono comprensibili comportamenti difformi, il protrarsi di questa situazione determinerebbe disagi e comprometterebbe l’efficacia dell’azione di prevenzione, che comunque deve prevalere su ogni altra necessità».

«Al presidente Zaia e alla giunta – continua il segretario Cgil Veneto – abbiamo espresso timore per le conseguenze economiche che si abbatteranno sul mondo produttivo e del lavoro a cui, appare già chiaro, bisognerà rispondere con risorse e strumenti straordinari che dovranno venire predisposti. Anche da questo punto di vista è necessaria una cabina di regia unica tra istituzioni e parti sociali al fine di monitorare l’evoluzione della situazione e definire una strategia organica e coordinata di interventi».

«Serviranno – conclude Ferrari – soluzioni e risorse per garantire il lavoro da possibili riduzioni e sospensioni dell’attività. Avremo bisogno di ammortizzatori sociali per garantire il reddito a tutti: lavoratori di grandi, medie e piccole imprese, autonomi e partite Iva. Serviranno forme di tutela, ordinarie e straordinarie, per dare una copertura universale a tutto l’apparato produttivo veneto, a tutte le forme di lavoro – sia precario che stabile – e ad ogni dimensione aziendale, magari riesumando la cassa in deroga, prevedendo un suo utilizzo ampio e generalizzato e semplificando le procedure per accedervi. Anche l’Europa deve venirci incontro, attraverso deroghe significative al Patto di Stabilità, permettendoci di allestire un piano straordinario di interventi economici, finanziari e fiscali, a sostegno del nostro sistema produttivo in modo che non venga meno la sua continuità produttiva e che non ci sia un blocco generalizzato delle attività lavorative».

Condividi con:

Articoli Correlati

Cerea, con la moto contro un’auto: un ferito grave a San Vito

massimo

S.Bonifacio, l’ex ospedale passerà al Comune che darò all’Ulss il terreno per la Casa della Comunità

massimo

Legnago, oltre 80 imprenditori alla serata organizzata dall’europarlamentare Borchia sule politiche Ue per l’energia

massimo

Verona, incidente tra due auto in corso Cavour con un ferito grave

massimo

Sona, finisce con l’auto contro un albero: è in gravi condizioni

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco