17.5 C
Verona
22 Settembre 2020
Economia Economia Est Veronese In evidenza ultimaora

Emergenza Coronavirus, domani vertice dei Consorzi del vino con l’assessore regionale all’agricoltura

La crisi sanitaria ed economica da Covid-19 impatta anche sulla vitivinicoltura, e in particolare sui vini veneti di alta gamma. Per fare il punto della situazione ed individuare possibili strategie di intervento a difesa dei vini a denominazione d’origine domani 31 marzo l’assessore all’agricoltura del Veneto, Giuseppe Pan, incontra i rappresentanti dei 23 Consorzi di tutela dei vini a denominazione d’origine e i rappresentanti dell’Unione Consorzi Vini Veneti,  organo rappresentativo del settore vitivinicolo a denominazione di origine controllata del Veneto e di coordinamento dei Consorzi.

L’incontro avverrà in videoconferenza, alle 14,30. Al centro del confronto, le possibilità di stoccaggio nel settore e di vendemmia “verde”, nonché i possibili interventi a supporto della valorizzazione d’immagine e della commercializzazione e il coordinamento nella tutela e salvaguardia da abusi, concorrenza sleale e contraffazione.

«Con 14 Docg, 29 Doc e 10 Igt il Veneto è la regione con il maggior numero di ‘etichette d’origine’ – ricorda Pan – Il sistema dei Consorzi a denominazione d’origine rappresenta quasi l’80 per cento delle uve prodotte dal ‘vigneto’ veneto per un valore di produzione di circa 1,3 miliardi di euro, pari al 40 per cento del valore fatturato in Italia: per valore della produzione e capacità di esportazione, è la locomotiva dell’agroalimentare regionale».

 

Articoli Correlati

Nogara, Falco (Lega): «L’entrata di Pasini decisa a Verona. Non siamo “padroni a casa nostra”»

massimo

Regionali, rieletta Cristina Guarda per Europa Verde

massimo

Elezioni Regionali, Cappelletti (5Stelle): «Abbiamo perso. Ricominciamo da qui»

massimo

Elezioni, cancellati i 5Stelle dal consiglio regionale Veneto

massimo

Elezioni Regionali, Bertucco: «Ripartire dal territorio»

massimo

Negrar, Marco Andreoli al 99% futuro consigliere regionale

massimo