5.2 C
Verona
9 Dicembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Emergenza Coronavirus: la Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera di Verona ha attivato un servizio di consulenza telefonica per i pazienti

L’Unità operativa complessa di Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona per l’emergenza Coronavirus ha dovuto ridurre drasticamente le visite cardiologiche, comprese anche quelle in libera professione. Ma per questo ha predisposto a partire da oggi, lunedì 23 marzo, un servizio di consulenza telefonica per i pazienti che abbiano bisogno di un consulto, un parere, un suggerimento terapeutico cardiologico.

«Questo servizio – spiega il professor Flavio Ribichini, direttore dell’Unità operativa di Cardiologia – non sostituisce quello del proprio medico di medicina generale, ma vuole essere di supporto ai pazienti cardiopatici di Verona che pur rimanendo a casa propria in una situazione delicata come questa possono sentire la voce dei loro cardiologi perché la Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera di Verona c’è».

Per informazioni aggiornate sulla nostra attività visitate il sito della Cardiologia di Verona www.cardiovr.it”.

Contatti attivi dalle 8,30 alle 13,30 da lunedì a venerdì senza necessità di passare dal centralino

– Per i pazienti afferenti alla Cardiologia di Borgo Trento: 045.812.2951

– Per i pazienti afferenti alla Cardiologia di Borgo Roma: 045.812.6190 (AMID Centro Scompenso Cardiaco) e 045.812.6324 (ambulatorio cardiologico).

Condividi con:

Articoli Correlati

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Cerea, con la moto contro un’auto: un ferito grave a San Vito

massimo

S.Bonifacio, l’ex ospedale passerà al Comune che darò all’Ulss il terreno per la Casa della Comunità

massimo

Legnago, oltre 80 imprenditori alla serata organizzata dall’europarlamentare Borchia sule politiche Ue per l’energia

massimo

Verona, incidente tra due auto in corso Cavour con un ferito grave

massimo

Sona, finisce con l’auto contro un albero: è in gravi condizioni

massimo