9.3 C
Verona
4 Dicembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Emergenza Coronavirus, nel Veronese altri 3 decessi ed 85 nuovi casi questa mattina

Nel Veronese l’emergenza Coronavirus fa contare altri 3 decessi mentre sono solo 85 i nuovi casi. Sono i numeri del report delle 9 della Regione che nel Veronese vedono salire i casi ad un totale di 1402 contagiati. Ma è il numero dei decessi che continua a salire arrivando a 72 decessi (1 morto all’ospedale di Borgo Roma, 1 in quello di Borgo Trento e 1 in quello di Legnago). Mentre sono 486 i ricoverati (+ 17) dei quali 100 in terapia intensiva (+3). I guariti sono in tutto il Veneto 508 (+69).

In totale in Veneto i decessi salgono a 287 (+14). I contagiati sono arrivati a 6.935 (+353) con 17.457 persone in isolamento domiciliare (un dato che comprende sia i positivi al tampone che le persone entrate in contatto con questi), mentre a Verona in isolamento domiciliare sono in 3.466 (+200).

I ricoverati sono 1773 (+19) in tutto il Veneto, dei quali 326 in Terapia intensiva (+8). Nel Veronese i ricoverati sono 101 all’ospedale di Borgo Roma (+10), dei quali 23 in terapia intensiva; 73 a Borgo Trento (-4), dei quali 35 in terapia intensiva; 58 a Legnago di cui 8 in terapia intensiva; 11 a San Bonifacio (+2); 144 a Villafranca (+8), di cui 17 in terapia intensiva (+1); 66 a Negrar (+1) dei quali 8 in terapia intensiva (+2); 33 alla clinica Pederzoli di Peschiera del Garda di cui 9 in terapia intensiva.

Condividi con:

Articoli Correlati

Sanità, domani sera su Report un’inchiesta sulla situazione di ospedali e pronto soccorsi in Veneto

massimo

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo