25.7 C
Verona
21 Giugno 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Emergenza Coronavirus nelle case di riposo del Veneto, gli onorevoli del Pd Zardini e Rotta: «Chiediamo ispezioni per garantire la salute di tutti»

«La regione finge di non capire così da fare confusione e continuare a non occuparsi del problema. Quanto sta accadendo nelle nostre case di riposo è un’ecatombe: sono i numeri a dirlo non il PD o il Governo. Sono le famiglie degli ospiti, i sindaci, gli operatori. Troviamo sconvolgente che rispetto a un problema tanto grave e tangibile la risposta sia una rissa dentro la quale menare mazzate, dall’alto di un’autoproclamata superiorità, per ingannare l’opinione pubblica e lasciare che le persone si ammalino o perdano la vita».

Rispondono così i deputati veneti del PD, Alessia Rotta e Diego Zardini alle accuse di consiglieri regionali e parlamentari della Lega riguardo al loro intervento di sabato scorso nel quale chiedevano il commissariamento della Regione per la gestione delle case di riposo.

«Se il governo ha fatto poco, la Regione finora ha fatto zero tondo. Con la differenza che il “poco” del governo è già arrivato nei conti correnti dei cittadini, mentre la Regione ha milioni di euro di arretrati che non paga ai propri fornitori. Ma di questo ne riparleremo a partire proprio dalle risorse che metterà la Regione Veneto», ribattono i due onorevoli veronesi del PD.

«Vogliamo richiamare la questione delle case di riposo – spiegano i deputati del PD -. Lo facciamo a seguito delle segnalazioni e abbiamo richiesto ispezioni per il bene della comunità e degli ospiti ed eventualmente il commissariamento della gestione delle Case di riposo non dell’intera sanità. Chiediamo infine alla Lega di abbandonare ora e per sempre le modalità intimidatorie con cui sta gestendo questa crisi. Che ci siano dei problemi è evidente a tutti e nessuno pretende che gli amministratori abbiano la bacchetta magica, ma non neghino le difficoltà e le affrontino. Due semplici esempi: i tamponi non vengono fatti neppure alle persone che presentano sintomi e le guardie mediche non fanno visite domiciliari perché, per loro stessa ammissione, non gli vengono forniti né i camici né i dispositivi di protezione individuale. Al governo della Regione si chiede di intervenire, come può e con le risorse che ha, e non di stilare elenchi di medici e operatori sanitari che osano evidenziare errori o problematiche».

«Ribadiamo la più sincera volontà di collaborazione con la Regione, con le istituzioni sanitarie e con il governo. Noi non siamo contro la Regione. Siamo per la tutela degli ospiti, delle loro famiglie, dei lavoratori e della sanità», concludono Rotta e Zardini.

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, Soave fa appello all’unità del centrodestra per il ballottaggio contro Verona

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Villafranca, 75enne ucciso con un colpo di pistola durante una lite tra giostrai

massimo

Verona, presidio della Cgil sanità: «Subito le assunzioni di operatori sociosanitari e infermieri»

massimo

San Pietro in Cariano, finisce fuoristrada con l’auto: grave 70enne

massimo

Soave, il sindaco Pressi sui ristori per i danni del maltempo: «Preoccupato dal silenzio del Governo»

massimo