11.8 C
Verona
28 Febbraio 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Emergenza Coronavirus, Valdegamberi: «Servono delle deroghe per i disabili cognitivi gravi. Non possono rimanere isolati in casa o in istituti»

«I gravi disabili cognitivi (cerebrolesi, autistici,..) non hanno la consapevolezza di ciò che sta accadendo. Per loro l’incontro con un familiare o la boccata d’aria non è un capriccio ma un fatto terapeutico, la cui assenza sta aggravando la salute dei disabili e rendendo impossibile la vita per i loro familiari. Chiedo che per questi, almeno quelli più gravi, si possano avere delle deroghe alle norme restrittive, pur usando tutte le misure di protezione per garantire la loro salute».

A toccare il tema oggi è il consigliere regionale Stefano Valdegambieri che sottolinea: «Non potendo incontrare i loro familiari qualcuno di loro, chiuso in un istituto, sta andando in crisi. Così succede anche per alcuni reclusi nelle loro abitazioni».

«Propongo qundi che i sindaci possano, almeno per singoli casi estremi, rilasciare delle deroghe subordinate al controllo, tramite tampone, della salute delle persone a contatto del disabile e all’adozione di tutti i dispositivi di protezione individuale», conclude il consigliere regionale.

Condividi con:

Articoli Correlati

Colognola ai Colli, Matteo ricevuto da Zaia: «Insegniamo il primo soccorso nelle scuole»

massimo

Legnago, al Salieri “Il Paese delle Favole a Rovescio” di Rodari per il Teatro Famiglie

massimo

Verona, al Ristori la grande danza internazionale con la Compagnia newyorkese “YY Dance Company”

massimo

Verona, alla Libreria Pagina Dodici la presentazione del libro di Spadaccia sul Partito Radicale

massimo

Incontro su sicurezza, accoglienza migranti, Protezione civile tra il prefetto e 18 sindaci dell’Est Veronese

massimo

Verona, partorisce prima del tempo in casa: mamma e bambino in gravi condizioni

massimo