6.3 C
Verona
29 Novembre 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Emergenza Coronavirus, Valdegamberi: «Servono delle deroghe per i disabili cognitivi gravi. Non possono rimanere isolati in casa o in istituti»

«I gravi disabili cognitivi (cerebrolesi, autistici,..) non hanno la consapevolezza di ciò che sta accadendo. Per loro l’incontro con un familiare o la boccata d’aria non è un capriccio ma un fatto terapeutico, la cui assenza sta aggravando la salute dei disabili e rendendo impossibile la vita per i loro familiari. Chiedo che per questi, almeno quelli più gravi, si possano avere delle deroghe alle norme restrittive, pur usando tutte le misure di protezione per garantire la loro salute».

A toccare il tema oggi è il consigliere regionale Stefano Valdegambieri che sottolinea: «Non potendo incontrare i loro familiari qualcuno di loro, chiuso in un istituto, sta andando in crisi. Così succede anche per alcuni reclusi nelle loro abitazioni».

«Propongo qundi che i sindaci possano, almeno per singoli casi estremi, rilasciare delle deroghe subordinate al controllo, tramite tampone, della salute delle persone a contatto del disabile e all’adozione di tutti i dispositivi di protezione individuale», conclude il consigliere regionale.

Condividi con:

Articoli Correlati

Cologna Veneta, vinto un premio da 20 mila euro al 10eLotto

massimo

Verona, sette persone all’ospedale, di cui 4 gravi, per un incidente tra più auto

massimo

Bovolone, 86enne investito da un’auto: è gravissimo

massimo

Verona, grazie ad Adiconsum recupera 4500 euro sottrattigli con una truffa bancaria via sms

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Nogara, al Teatro Comunale in scena “Come respirare. Storie di ordinaria violenza” sul tema della violenza di genere

massimo