7.7 C
Verona
22 Febbraio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Emergenza Covid, Zaia annuncia l’arrivo di una Immuni “Veneta”

Il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha annunciato oggi durante la conferenza sull’emergenza Covid, tornato da ieri quotidiana, l’attivazione di una App di biosorveglianza attraverso la quale ogni persona isolata potrà quotidianamente far sapere le proprie condizioni alla struttura sanitaria nella quale è in carico. Se la segnalazione dovesse far emergere qualche preoccupazione, allora i sanitari si porteranno al domicilio del paziente.

«L’abbiamo pronta da giugno – ha detto Zaia – ma non l’abbiamo attivata perché non volevamo apparisse come una sorta di concorrenza a Immuni, anche se ha finalità e modalità operative assolutamente diverse. Illustrerò al Governo questa nostra novità perché siamo convinti possa alleggerire molti problemi non solo in Veneto». Un modo, anche, per rispondere alle polemiche sul fatto che l’app di tracciamento Immuni, lanciata da mesi dal Governo a livello nazionale, non funzioni in Veneto proprio perché non vengono caricati i dati dei positivi.

Zaia, quindi, ha annunciato anche la prossima emanazione di una sua nuova ordinanza dai contenuti che egli stesso ha definito “innovativi”, ora al vaglio di legittimità da parte degli esperti legali della Regione, precisando che «si tratta di contenere meglio i rischi di assembramento e di contagio, senza assolutamente immaginare nessun tipo di lockdown».

 

Condividi con:

Articoli Correlati

Alta formazione, Cristiano Perale confermato alla guida dell’Its Red Academy

massimo

Verona, Università e Istituto internazionale del marmo uniti per creare un centro di ricerca per valore i rifiuti della lavorazione del marmo

massimo

Sciopero generale venerdì di tutti i settori pubblici e privati deciso dai Cobas: garantiti i servizi essenziali

massimo

San Martino Buonalbergo, colpo da 50mila euro al “10e Lotto”

massimo

Formazione, sette consigli per scegliere al meglio la scuola di inglese per i propri figli

mirco

Come le città italiane si stanno attrezzando per agevolare il nomadismo digitale?

mirco