4.6 C
Verona
27 Gennaio 2023
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Emergenza Pfas, La Paglia (Pd): «Causa Covid sospeso da mesi lo screening per i cittadini della zona rossa»

«A causa dell’emergenza Covid è sospeso da mesi lo screening per i cittadini della zona rossa dell’inquinamento da Pfas. Al centro prelievi nessuno sa quando riprenderà. Devono ripartire esami e prese in carico di chi ha i valori alterati». A lanciare l’allarme è stata oggi Elisa La Paglia, candidata alle elezioni regionali per il Pd.

«Sul sito dell’Ulss 9 leggiamo che non è ancora ripartito lo screening Pfas. Vogliamo sapere quanto riprenderanno i prelievi ematici e gli appuntamenti per i questionari. L’emergenza Covid non può essere una scusante. Ci sono 47.533 cittadini che vivono nei Comuni delle zone rosse del Basso Veronese in cui è ancora grande la preoccupazione per l’inquinamento e che temono di ammalarsi a causa dell’esposizione delle sostanze perfluoroalchiliche – avverte La Paglia -. Dai dati della Regione risulta che a fine 2019 solo metà dei residenti interessati aveva
fatto la visita».

«Abbiamo chiamato il Centro prelievi di Legnago e ci siamo sentiti rispondere che lo screening è stato sospeso a causa dell’emergenza Covid e che non si sa quando verrà ripreso, perché non ci sono ancora direttive. Alcuni cittadini si sono sentiti rispondere di chiamare a metà settembre, perché adesso non si sa ancora nulla. Vorremo sapere da quanti mesi è sospeso il piano di sorveglianza sanitaria della Regione Veneto, visto che nessuno su questo ha mai detto nulla e quando si ha intenzione di riprendere gli esami – incalza La Paglia -. Ricordiamo che lo screening, che in Veneto coinvolge oltre 85.000 persone, su 127.000 abitanti residenti nei Comuni interessati da esposizione a Pfas, di cui 47.533 afferenti all’Ulss 9 scaligera, ha l’obiettivo di indentificare le malattie potenzialmente associate all’esposizione a sostanze perfluoroalchiliche e la presa in carico sanitaria della popolazione esposta. Proprio per questo è importante che l’attività sia continua nel tempo, a tutela della popolazione che è già stata fortemente danneggiata da questo enorme inquinamento su cui sono stati aperti diversi filoni d’indagine».

Condividi con:

Articoli Correlati

Isola della Scala, l’Ulss 9: «A febbraio la sala d’attesa della Guardia medica tornerà all’interno dell’ex ospedale»

massimo

Legnago, domani al Minghetti una “escape room” educativa sui campi di concentramento nazifascisti

massimo

Monteforte d’Alpone, ladri in fuga intercettati e arrestati dai Carabinieri

massimo

Verona, domani in fiera il via alla tre giorni del Motor Bike Expo

massimo

Verona, inaugurata in Biblioteca Frinzi,la mostra “Menestrella nel Lager”

massimo

Partito Democratico, Franco Bonfante candidato unico a segretario provinciale

massimo